Verso il 2014: Anno Internazionale dell’Agricoltura Familiare

L’ONU su richiesta di oltre 350 organizzazioni non governative di 60 Paesi industrializzati e non, ha stabilito che il 2014 sarà l’Anno Internazionale dell’Agricoltura Familiare. Sono decenni che le ONG si scontrano contro gli interessi delle multinazionali dell’agroindustria, che da sole controllono l’85% delle terre, limitando l’accesso a prezzi onesti alle risorse produttive a piccoli allevatori e produttori agricoli.
 
Dall’8 al 10 di settembre a Vilnius, capitale della Lituania si terrà una consultazione pubblica allo scopo di riesaminare il ruolo dei Ministeri dell’agricoltura dell’UE e comprendere le principali sfide e priorità per il 2014, anno internazionale dell’agricoltura familiare.
Le prospettive per l’agricoltura familiare in un contesto globalizzato sarà il principale argomento di discussione delle due giornate del tavolo di consultazione. La consultazione, inoltre, intende raccogliere contributi per la conferenza europea “Agricoltura familiare: un dialogo verso un'agricoltura più forte e sostenibile in Europa e nel mondo”, prevista per il 29 novembre 2013. Nella sola Europa, e in particolare in Italia, è a conduzione familiare la gran parte dei 12 milioni di imprese agricole che vi operano.
La Presidenza lituana, per stimolare la discussione per un sistema di agricoltura socialmente utile, economicamente sostenibile e rispettosa dell’ambiente, ha predisposto un documento di lavoro dove si sostiene che le imprese agricole a conduzione familiare sono la spina dorsale della società rurale e un importante fattore che contribuisce al suo sviluppo economico e fissa tre priorità fondamentali per promuovere la loro crescita in tutta l'Ue.
Secondo le fonti di PAC, oggi l'agricoltura sta affrontando una nuova crisi globale che coinvolge le sue relazioni con la società e con la natura ed il ruolo degli agricoltori nella catena alimentare. Le esternalità della produzione agro-alimentare sono sempre più evidenti, partendo dall'fino alla nuova agenda sul cambiamento climatico. Due lati differenti dello stesso problema riguardano la società: la qualità del ciboe la sicurezza alimentare. I contadini stanno vivendo una riduzione della loro autonomia poiché aumenta la loro dipendenza dal sistema agroalimentare. Mentre le proposte maggioritarie della modernizzazione in agricoltura prevedono una maggiore industrializzazione del settore per affrontare questa transizione, esempi dal campo dimostrano che un modo alternativo di fare agricoltura è più adatto a superare la crisi e garantire la sicurezza alimentare e la sovranità alimentare. La caratteristica principale del processo di modernizzazione che ha interessato le aree rurali è stata quella di non perdere i connotati di agricoltura prevalentemente familiare.
Nel corso del dibattito a Vilnius i Ministri dell'agricoltura dell’UE saranno invitati a rispondere a una serie di domande su quale sia il ruolo dei governi degli Stati membri dell'Ue a sostenere l'innovazione delle aziende agricole familiari, in che misura è prevista la competenza della politica nazionale e regionale nel campo della promozione di imprese a conduzione familiare, l'accesso alla terra e al capitale, come applicarle in modo coerente in tutta l'Unione, quali misure istituzionali potrebbero essere utilizzate a livello comunitario, nazionale e regionale per la promozione di filiere alimentari corte e sistemi alimentari locali. Il ruolo della Politica agricola comunitaria (Pac), è fondamentale nel favorire e dare sostanza all’integrazione fra i Paesi fondatori della Comunità economica europea (Cee). Innanzitutto, la capacità della Pac di coinvolgere il mondo agricolo nelle dinamiche socio-economiche complessive, quindi, il suo contributo alla complementarietà dei vantaggi conseguenti allo sviluppo di specializzazioni produttive fra PaesiUE.
 
Fonte: ilpuntocoldiretti.it, ec.europa.eu
 
 
<p>Oltre a informazioni su<strong><em>  2014 anno internazionale agricoltura familiare, agricoltura familiare </em></strong>su Effetto Terra puoi trovare informazioni su agricoltura UE e iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter