Etichette pneumatici

E’ un nuovo sistema di etichettatura che dal 1° novembre 2012 aiuterà i consumatori a orientarsi nell’acquisto di pneumatici più green. La normativa imporrà a produttori e rivenditori di esporre un’etichetta informativa contenente i dati tecnici del prodotto. Con questo sistema di "certificazione" – che riguarda tutti i tipi di pneumatici prodotti dopo il 1° luglio 2012 – sarà così possibile valutare risparmio, sicurezza ed eco-sostenibilità.
 
Sono tre le scale di valori previste nelle etichette per pneumatici, indicazioni in grado di fornire informazioni  utili sulle qualità ecologiche del prodotto, sui risparmi di carburante possibili e dove leggere i dati dei test di frenata sul bagnato e di rumorosità delle gomme espresso in Decibel.
  • Consumi (resistenza al rotolamento). La resistenza al rotolamento è una forza che agisce in direzione opposta a quella di moto durante il rotolamento del pneumatico. In sostanza il pneumatico si deforma (il suo fianco e la sua area di contatto al suolo) a causa del peso del veicolo e delle sollecitazioni dovute alla guida e queste deformazioni dissipano energia e quindi contribuiscono ad aumentare il consumo di carburante del veicolo. Pertanto una più bassa resistenza al rotolamento si traduce in minori consumi di carburante.
  • Aderenza su bagnato. È la conseguenza della capacità di frenare, ovvero di aderire su superfici bagnate. È un parametro che è stato giudicato dalla Commissione Europea come la situazione più rappresentativa per misurare la sicurezza stradale di un pneumatico.
  • Rumore esterno da rotolamento. È il rumore, prodotto dal pneumatico durante la marcia, che si percepisce all’esterno del veicolo.

Ogni parametro sarà valutato con una scala che va dalla lettera A per pneumatici di classe verde, cioè quelli più performanti dal punto di vista ecologico e dei consumi. All’opposto l’ultima classe, la G, rappresenterà la categoria di gomme meno “green” in assoluto.
La differenza tra un prodotto di classe A ed uno di classe G può tradursi in un minor spazio di frenata fino al 30%, per quanto riguarda l’aderenza sul bagnato e in un minore consumo di carburante fino al 7,5% in merito alla resistenza al rotolamento.
I benefici non saranno solo economici per i consumatori che in questo modo potranno spendere fino al 10% di carburante in meno, ma anche ambientali in quanto si prevede una riduzione del 20-30% delle emissioni di un’automobile, stimati in circa 4 milioni di tonnellate di CO₂ all’anno.

Fonte: ANSA, Altroconsumo
 
http://www.etrma.org/uploads/documents/Presentation%20label_IT.pdf
 
Scheda aggiornata settembre 2017

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter