Ecologia quotidiana

L'Italia si è impegnata a ridurre entro il 2010 le proprie emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai valori del 1990. La proposta degli ambientalisti per ridurre sensibilmente la quota di inquinamento del mondo è: "mettersi a dieta" di CO2.

L'ecologia quotidiana è uno strumento per rivedere i consumi e comportamenti soprattutto nel nord del mondo in un'ottica di sviluppo sostenibile. Consumiamo troppa natura e la consumiamo male tre volte: con scarsa efficienza (esaurimento risorse), con danno ambientale (micro-danneggiamento e macro-danneggiamento degli ecosistemi), con ingiustizia  (i Paesi che partecipano al G8 e che comprendono il 14% della popolazione mondiale, determinano da soli il 41% del consumo del pianeta in termini di impronta ecologica). Occorre dunque rivedere le modalità consequenziali di uso, consumo e produzione; in questo senso, per aumentare la produttività delle risorse, sono allo studio una serie di possibilità innovative improntate al buon senso.È stato calcolato che l'efficienza energetica nel settore residenziale potrebbe ridurre ogni anno le emissioni di CO2 di 71 milioni di tonnellate per quanto riguarda l'energia termica e di 53 milioni di tonnellate di CO2 per quanto riguarda l'elettricità. I cambiamenti dei modelli di consumo individuale ridurrebbero le emissioni di 15 milioni di tonnellate di CO2.Ecco una serie di esempi relativi all’emissione di CO2 in un anno:

  • Un edificio di media grandezza ben coibentato: 2500 kg di CO2 l'anno per appartamento
  • Lo stesso edificio non coibentato: 4200 kg
  • Uno scaldabagno acceso per 6 ore: 1000 kg
  • Uno sempre acceso: 2100 kg
  • Riscaldamento a temperatura di 18 °C: 2900 kg
  • Riscaldamento a 22 °C (la legge però impone ad oggi: massimo 19°C): 3600 kg
  • Una lampadina fluorescente compatta: 210 kg
  • Una 1ampadina a incandescenza: 360 kg
  • Una lavatrice a basso consumo, lavaggio a 30°: 250 kg
  • Una lavatrice tradizionale lavaggio a 90°C: 360 kg

L'Italia si è impegnata a ridurre entro il 2010 le proprie emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai valori del 1990, e questo è molto meno di quanto servirebbe al pianeta, perché l'Occidente raggiungerebbe un livello sostenibile solo riducendo le emissioni del 90% entro i prossimi 50-100 anni. Eppure anche il 6,5%, s i kWh consumati a casa continuano ad aumentare, sarà un traguardo difficile da raggiungere. La proposta degli ambientalisti è: "mettersi a dieta" di CO2.Attraverso alcuni interventi semplici ed economici da applicare all’ambiente domestico e all’uso dei mezzi di trasporto si può ridurre sensibilmente la propria quota di inquinamento del mondo.CasaAcquaSi può ridurre del 50% il consumo di acqua calda e fredda dei rubinetti e della doccia, con un costo di 30 euro circa per i rubinetti della cucina e del bagno.Il costo dell'acqua calda per la lavatrice può diminuire del 20% grazie a un collegamento diretto con la caldaia centrale. Costo dell'intervento: 100-200 euro.CaloriferiE’ possibile ovviare del 10% alla perdita di calore dei termosifoni posti lungo una parete che dà sull'esterno. Costo dell'intervento 45 euro per ogni metro quadrato di calorifero.Si riduce del 20-40% il costo del riscaldamento isolando maggiormente la casa. Costo dell'intervento: qualche migliaio di euro.L’uso di doppi vetri termici permette di controllare la dispersione di calore. Costo molto variabile: a partire dai 75 euro al metro quadrato.I pannelli solari abbinati a una caldaia a gas ad alto rendimento (che riduce del 20% le emissioni inquinanti) sono una soluzione possibile al consumo necessario per il riscaldamento. Costo di 2 pannelli solari per acqua calda: 3500 euro circa; costo dell’installazione: 500-1000 euro.IlluminazioneSi riduce dell' 80% il consumo di energia elettrica per l'illuminazione montando lampadine a basso consumo che, oltretutto, durano dieci volte di più di quelle tradizionali. Costo di una lampadina ad alto rendimento: intorno ai 10 euro, a seconda del voltaggio e delle dimensioni.DetersiviL’utilizzo di panni in microfibra è un modo ragionevole per evitare al massimo l'uso di detersivi per pavimenti, superfici di legno e piastrelle. Il costo dei panni in microfibra è di pochi euro; essi durano inoltre di più dei panni elettrostatici.AmbienteE’ possibile sistemare in casa piante bellissime che concorrono a conservare più pura l'aria degli ambienti domestici. Tra queste sono consigliabili la Schefflera, il Ficus longifolia, il Ficus beniamina, la Dracena, il Syngonium, l’Agiaonema, l’Aglaonema, il Philodendron, l’Epipremnum.AutoCarburanteSi può risparmiare dal 5 al 25% di carburante cambiando il proprio stile di guida (facendo per esempio lavorare il motore a bassi giri, dandogli più sprint) e curando tanti piccoli particolari, evitando così portapacchi e ruote mezze sgonfie e dedicandosi con regolarità alle manutenzioni essenziali dell'auto.SicurezzaSi rivela utile montare sulla propria auto limitatori di rimbalzo degli ammortizzatori. Costo dell'intervento, installazione compresa, dai 25 ai 150 euro a seconda del modello.Se si possiede un'auto a benzina a iniezione è bene verificare che monti un meccanismo automatico di blocco dell'uscita della benzina dal serbatoio in caso di urto. Molte auto di serie non ne sono provviste e questo crea un serio pericolo di incendio in caso di incidenti. Costo dell'intervento 30-40 euro.Car SharingE’ possibile utilizzare il Servizio di Car Sharing promosso dal Ministero dell’Ambiente e adottato da molti Comuni italiani. Tale servizio consente di condividere con altri utenti, a costi contenuti, l’uso delle automobili messe a disposizione dagli Enti per andare al lavoro o per il tempo libero, risparmiando personalmente e, nel contempo, contribuendo a rendere più pulito l'ambiente.CondominiCaldaie collettive per tutto il condominioSono molto più convenienti di quelle unifamiliari e sono potenzialmente meno inquinanti perché possono adottare sistemi di combustione e filtraggio dell'aria in uscita più efficienti. I moderni contatori di consumo di acqua calda permettono di suddividere le spese dei condomini secondo il loro reale consumo e ottenere così tutti i vantaggi degli impianti individuali (ognuno paga quel che consuma) a consumi inferiori anche del 20% con una conseguente forte riduzione dell'inquinamentoIl risparmio aumenta ulteriormente laddove è possibile dotarsi di impianti di cogenerazione di elettricità e calore.Servizi collettivi di lavanderiaNei paesi scandinavi tutti i palazzi hanno una lavanderia collettiva. Si risparmia perché invece di comperare 50 lavatrici piccole se ne comprano 5 grandi che sono più efficienti e hanno costi di gestione più bassi. Si ottimizzano gli spazi e ci si può dotare di macchine asciugatrici e per stirare molto efficienti. Inoltre si creano centri di socializzazione. Oggi è anche possibile acquistare macchine di quel tipo pagando solo il consumo e lasciando alle aziende tutto l'onere della manutenzione e di eventuali sostituzioni.Fonte: www.utopie.itSiti correlati:www.ecoage.com/impatto-inquinamento-sulla-salute-uomo.htmwww.ecoage.com/in-arrivo-il-decreto-sui-biocarburanti.htmCome risparmiare in bolletta:www.ecoage.com/ambiente/risparmiare/risparmiare-energia-elettrica.aspCar Sharing a Torino:www.carcityclub.it/


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter