USA - Spazzatura e rifiuti high-tech in Asia

Exporting harm, the high tech trashing of Asia, è un mediometraggio prodotto nel 2002 da Jim Puckett per la BAN, Basel Action Network, un'associazione che si occupa di implicazioni ambientali economiche e sociali del mercato dei rifiuti tossici e documenta come lo smaltimento dei rifiuti tecnologici americani avvenga in Asia.
E-waste è l'abbreviazione di electronic waste, è il termine con cui si indicano i rifiuti tecnologici. La società high-tech è spesso chiamata "immateriale": ma non bisogna farsi ingannare... I prodotti tecnologici richiedono numerose sostanze che vanno estratte dalle viscere della Terra, consumano energia e altri materiali mentre sono in uso, e diventano presto e-rifiuti molto inquinanti.

Exporting Harm: The High-Tech Trashing of Asia ("Esportare danni: la spazzatura high-tech in Asia", realizzato da una coalizione internazionale di organizzazioni ambientaliste tra cui l'International Basel Action Network (Ban) e in California il gruppo Silicon Valley Toxics Coalition, con il sostegno di gruppi ambientalisti locali, documenta il viaggio/smaltimento dei rifiuti tecnologici americani e scopriamo che gli e-waste finiscono in qualche discarica, o meglio, in qualche "città discarica" che si trova (come al solito) nel mondo in via di sviluppo e nel terzo mondo.
Le telecamere di questo report ci portano a Guiyu, nella provincia cinese di Quandong, nell'area del fiume Lianjiang, circa 100mila lavoratori migranti"smontano e lavorano rifiuti del 21esimo secolo con tecniche del 19esimo". Il team ambientalista ha visto tonnellate di rifiuti elettronici stoccati vicino ai fiumi, nei campi e in canali di irrigazione; e si tratta di aree risicole. Donne, bambini, uomini del tutto all'oscuro dei rischi ambientali e sanitari bruciano all'aperto plastiche e fili metallici, estraggono l'oro con sostanze acide vicino agli argini, mescolano e bruciano circuiti saldati, schiacciano tubi catodici estraendone il rame. Il monitor viene poi gettato via e poco alla volta il piombo arriverà nelle acque sotterranee. Nel Guiyu l'acqua dei pozzi non si può più bere e deve arrivare da decine di chilometri con camion. Insomma, "vista da là, l'era cibernetica è un incubo" dice Jim Puckett, coordinatore del Basel Action Network: "applicare le regole del libero commercio ai rifiuti tossici lascia ai poveri del mondo solo un'inaccettabile scelta fra miseria e veleni.
Computer, relativi monitor e tastiere, televisori, telefoni cellulari e altri beni elettronici contengono schiere di ingredienti tossici fra cui piombo, berillio, mercurio, cadmio, materiali ignifughi al bromo. La maggior parte dei fabbricanti ha rifiutato di eliminare i materiali rischiosi, così come di rendere più facile il disassemblaggio; nonostante alcuni tentativi di riciclare in modo non pericoloso alcuni ingredienti, la maggior parte dei rifiuti resta destinata a discariche e centri "artigianali" di riciclaggio, all'estero. Il governo Usa non ha fatto nulla per rendere i produttori responsabili dell'intero ciclo vitale dei prodotti high-tech. I centri di riciclaggio offrono spesso "false soluzioni", sostiene il rapporto. Fra il 50 e l'80% dei rifiuti elettronici raccolti per il riciclaggio negli Usa non viene appunto trattato in patria, ma spedito via per nave. Il fatto è che in Asia la forza lavoro è a buon mercato e la salute e l'ambiente anche. Inoltre alcuni stati Usa, come la California e il Massachussetts hanno già vietato la messa in discarica di monitor e altri rifiuti high-tech.L'Unione Europea e il Giappone hanno applicato la Convenzione di Basilea, il trattato delle Nazioni Unite che ha messo al bando il commercio di rifiuti tossici e reso i produttori responsabili per l'intero ciclo di vita dei beni tecnologici, gli Usa no. Gli autori del rapporto chiedono agli Usa di fare lo stesso. Per un fatto di giustizia ecologica. Sottolinea Ted Smith della Silicon Valley Toxic Coalition:"I consumatori statunitensi sono i principali beneficiari della rivoluzione tecnologica; non devono permettere che a pagarne i costi siano altri. I nostri e-rifiuti vanno trattati a casa nostra".

Sulle pagine del sito del BAN si possono trovare molte altre informazioni e aggiornamenti su questo report.

 Fonti: Il Manifesto- CineBlog-Ban-Promiseland


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter