Approfondimenti

Inserito il 3 dicembre, 2009 - 14:25

Vertice di Copenaghen sul clima – Sud Africa: le politiche ambientali

Tra i leader della coalizione dei paesi emergenti, il Sudafrica rappresenta la maggiore economia dell’Africa sub sahariana, ma anche quella con la più grande produzione e consumo di energia (a carbone). Motivo per il quale la posizione ufficiale in vista della “Conferenza Mondiale sul clima”, può essere riassunta con lo slogan “No money, no deal” (“Niente soldi, niente accordo”).


Oltre a informazioni su vertice di Copenaghen, su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su Sudafrica, politiche ambientali, conferenza mondiale sul clima, e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Inserito il 1 dicembre, 2009 - 14:17

Vertice di Copenaghen sul clima - Australia: le politiche ambientali

Nonostante con il nuovo governo laburista le politiche ambientali abbiano subito un nuovo corso più attento alle conseguenze dei mutamenti climatici, a pochi giorni dall’appuntamento danese per la “Conferenza mondiale ONU sul clima”, molti quesiti risultano ancora irrisolti.


Oltre a informazioni su vertice di Copenaghen, su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su Australia, politiche ambientali, conferenza mondiale sul clima, e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Inserito il 10 giugno, 2009 - 16:07

Il sesto continente di Charles Moore

Due storie che s’intrecciano, quella di un miliardario convertito alla causa ambientale e quella dell’oceano trasformato nella discarica più grande del mondo. Il fondatore di “Algalita Marine Research Foundation” svela uno dei più grandi, e nascosti benché visibili, inquinamenti marini.

<p>Oltre a informazioni sull'impatto ambientale delle elezioni su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su decrescita, buone prassi, consumi sostenibili,iniziative a favore dell'ambiente e iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Inserito il 8 aprile, 2009 - 02:56

G8, G20, G17: mutamenti climatici e chi non ci crede

Un mese denso di appuntamenti, aprile. Clima, energie rinnovabili, sviluppo sostenibile e misure anticrisi sono al centro dell’agenda politica internazionale, in concomitanza con alcuni summit, dal G20 di Londra al G8 ambiente di Siracusa e intanto si moltiplicano gli scettici della teoria del surriscaldamento globale.


Oltre a informazioni su <em><strong>cambiamenti climatici</strong></em>, su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su g8 ambiente, g20, Obama e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Inserito il 19 marzo, 2009 - 18:31

Orti Urbani: pratiche di "agricivismo" metropolitano

La passione di portare anche sui terrazzi e sui balconi, le verdure i fiori che normalmente si trovano solo fuori città coinvolge quasi quattro italiani su dieci, che nel tempo libero, per hobby e oggi anche un po' per necessità, si dedicano all'orto o al giardino, appena fuori da casa, con benefici sorprendenti.

<span style="font-size: 7.5pt; font-family: Verdana">Oltre a informazioni su <strong>orti urbani</strong>, agricivismo, ambiente, prodotti bio, su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su benefici piante, ortaggi e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</span>"

Pubblicato in


Inserito il 3 marzo, 2009 - 19:03

Rapporto Ambiente Italia 2009: l'Italia vista da Legambiente

E' stato presentato il nuovo rapporto Ambiente Italia redatto da Legambiente per l'anno 2009, che traccia un quadro della situazione ambientale italiana, prende in esame le politiche governative in materia di ambiente e propone delle soluzioni per risolvere i problemi ambientali del Paese.

<span style="font-size: 7.5pt; font-family: Verdana">Oltre a informazioni sul rapporto Ambinete Italia 2009, energie rinnovabili, legambieente, tecnologie pulite, energie, su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su energie rinnovabili, politiche energetiche, sviluppo eco sostenibile, crisi e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</span>"

Pubblicato in


Inserito il 11 novembre, 2008 - 10:46

WWF – Living Planet Report 2008

Siamo ufficialmente in recessione ambientale. I dati della settima edizione del “Living Planet Report”, l’analisi dello stato di salute dell’ecosistema mondiale redatta dal WWF, non lasciano spazio ad interpretazioni. L’umanità consuma freneticamente circa un terzo di pianeta, sottoforma di acqua, suolo, foreste e risorse ittiche. Un pianeta che in realtà non esiste perché non si è potuto ancora rigenerare.


Oltre a informazioni <strong><em>sullo stato di salute del pianeta, sui rapporti del WWF, sulla situazione ambientale italiana e internazionale,</em></strong> su Effetto Terra, puoi trovare informazioni e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Inserito il 10 ottobre, 2008 - 18:44

Il “Belpaese” rischia di essere meno bello

Tagli proposti nelle ultime finanziarie e molteplici rapporti di associazioni scientifiche, ambientaliste e per la tutela del patrimonio, fotografano una situazione non del tutto rassicurante per l’ambiente e la ricchezza artistica e naturale della penisola, dove ha sede il maggior numero di siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO [all’interno video sul sito delle Eolie].

Oltre a informazioni sulla<strong><em> mutamenti climatici</em></strong>, patrimonio ambiente alternative su Effetto Terra, puoi trovare informazioni e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Inserito il 5 settembre, 2008 - 11:10

[Video] Delfini: promuovere la pesca sostenibile è un dovere!

La pratica non sostenibile della pesca nel Mediterraneo, provoca ogni anno migliaia di uccisioni di delfini, impigliatisi accidentalmente nelle reti dei pescherecci o venuti in collisione con le eliche dei motori di barche e yacht. Salvaguardare le popolazioni di cetacei rappresenta una delle grandi sfide di conservazione dei nostri tempi. Un video di testimonianze girato sulle coste calabresi.


Oltre a informazioni su <strong><em>delfini</em></strong>, animali e cetacei su Effetto Terra, puoi trovare informazioni sulla pesca sostenibile, wwf e cts, iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Inserito il 3 settembre, 2008 - 19:29

La corsa al carbonio

Fermiamoci, prima di salvaguardare troppo l'ambiente. Soprattutto se decidiamo di proteggerlo in maniera decisamente occidentale. L'ultima tendenza in materia di conservazione vede infatti impegnati trust e fondazioni nell'acquisto di migliaia di ettari di territorio a fini di tutela ecologica, un business verde in cui qualcuno paventa una nuova forma di colonialismo imprenditoriale.

<div align="justify">effettoterra, effetto terra, sportello, ecosportello, eco sportello, ambiente, foresta, World Land Trust, Cool Earth, eco-colonialista, borsa del carbonio, conservazione, business verde, salvaguardia, eccesso, eccesso di salvaguardia</div>"

Pubblicato in


Lo Spirito del pianeta

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter