In aumento le specie aliene in Europa

Un rapporto dell'Agenzia europea dell'ambiente lancia l'allarme sui rischi ambientali, economici e sanitari. E chiede all'Ue di intervenire. L'Italia è la più colpita in Europa dalla zanzara tigre, vettore di 20 virus differenti.
 
Sono oltre 10.000 le specie alloctone in Europa provenienti da diversi continenti, di cui almeno 1.500 sicuramente dannose. Molti Paesi dell'Ue stanno provando ad intervenire in maniera autonoma, ma senza un coordinamento a livello comunitario, le misure possono risultare ineffficaci.
L’Agenzia europea dell’ambiente ha redatto un elenco delle specie “aliene” – provenienti da Nord America e Asia – che costituiscono una minaccia per gli ecosistemi in Europa. "Le invasioni biologiche delle cosiddette "specie aliene" sono una minaccia emergente, visto che ormai sono una delle cinque principali cause di perdita di biodiversità, insieme a distruzione dell'habitat, sfruttamento eccessivo delle risorse, cambiamenti climatici e inquinamento".
I primi allarmi sul fenomeno risalgono a dieci anni fa, quando irruppero gli effetti più nefasti della globalizzazione e della libera e veloce circolazione di mezzi e merci anche negli ecosistemi. Benché non tutte siano invasive, si stima che circa il 10-15% delle specie potrebbe mettere in pericolo la biodiversità in Europa. Sono dannose per la salute umana, la pesca, l’agricoltura e la produzione di alimenti con un impatto sociale ed economico negativo. Tra le specie aliene, la zanzara tigre è portatrice di almeno 22 virus, fra cui quello della febbre dengue ed il suo arrivo nel vecchio continente è sicuramente dovuto ai cambiamenti climatici, che ne hanno facilitato il transito verso l’emisfero settentrionale. Inoltre le specie invasive sono state associate alla diffusione di virus quali quelli dell’influenza e dell’HIV. Non solo fauna, ma anche la flora nasconde pericoli, le piante esotiche, come la panace di Mantegazzi, infatti provocano allergie, irritazioni cutanee e ustioni.
"L'Italia è di gran lunga il Paese più colpito in Europa dalla zanzara tigre", continua Genovesi dell'Ispra, "un esempio di una specie invasiva che ha un impatto sulla salute: è un vettore di circa 20 virus diversi, come febbre gialla e chikungunya". La comparsa di quest'ultima febbre nel 2007 in Nord Italia "ha dimostrato la serietà del problema - aggiunge Jacqueline McGlade, direttore esecutivo dell'Aea - e l'importanza della sfida potrebbe crescere: le proiezioni dei cambiamenti climatici mostrano che la zanzara tigre probabilmente si diffonderà ancora, in particolare nel Mediterraneo, ma anche più a Nord".
 
Fonte: ec.europa.eu, zeroemission.eu, terranews.it
 
 
<p>Oltre a informazioni su<strong><em> specie invasive europa, zanzara tigre italia, specie invasive europa </em></strong>su Effetto Terra puoi trovare informazioni relative a agenzia europea dell’ambiente, panace di mantegazzi ed iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.