Bilancio Goletta Verde 2015

Lega Ambiente ha presentato, circa un mese fa, il bilancio di Goletta Verde 2015 sullo stato di salute del mare italiano. e Dall’analisi dei dati scatta l’allarme depurazione e illegalità sulle coste. Sono stati analizzati 266 campioni di acqua ed è risultato che il 45% di essi ha cariche batteriche superiori ai limiti imposti dalla normativa. Le regioni con meno criticità sono Sardegna, Veneto e Friuli Venezia Giulia, mentre quelle con più alte percentuali di inquinamento sono Marche, Abruzzo e Sicilia.
 
Analizzando le cause inquinanti si scopre che la maggior parte è dovuta a problemi di depurazione; quando si parla di foci di fiumi e canali si immaginano sempre corsi d’acqua di grossa portata, invece nel mirino di Goletta Verde finiscono soprattutto i canali più piccoli, i rigagnoli apparentemente innocui che arrivano sulle spiagge, spesso luoghi preferiti dai bambini.
Ben il 42% degli scarichi fognari del nostro paese non ha un trattamento adeguato e ad oggi è stata avviata la terza procedura d’infrazione per il mancato rispetto della direttiva Europea 91/271 sulla depurazione degli scarichi civili.
La grave inefficienza depurativa dell’Italia non rappresenta solo un danno all’ambiente ma anche all’economia: si stima, infatti, che le sanzioni UE siano pari a 476 milioni di euro l'anno dal 2016 e fino al completamento delle opere.
Sono 1.022, il 32% del totale, i siti coinvolti dai procedimenti europei. Le regioni maggiormente interessate sono la Campania, con l’81% degli agglomerati a livello regionale condannati o interessati in procedure d’infrazione, la Sicilia, con il 73% (rappresentando il numero assoluto più elevato con 244 località coinvolte) e la Calabria con il 62%. Le regioni costiere con il minor numero di comuni coinvolti sono il Veneto (17%), la Toscana (18%) e il Friuli Venezia Giulia (24%).
Lega Ambiente segnala inoltre che nel corso del 2014 sono state accertate ben 4545 infrazioni per problemi di inquinamento del mare, che hanno visto il coinvolgimento di oltre 7 mila persone tra denunce ed arresti. “Le principali tipologie di reato quindi vanno dalle illegalità nel ciclo del cemento sul demanio marittimo all’inquinamento del mare dovuto a mala depurazione, scarichi fognari, inquinamento da idrocarburi, sversamento di rifiuti di vario tipo, anche se non mancano i casi di pesca di frodo e le infrazioni della nautica da diporto” - ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza -.
E’ da segnalare inoltre che dei 120 punti inquinanti segnalati da Goletta Verde il 38% risultano, secondo il portale delle Acque del Ministero della Salute, balneabili ed addirittura talvolta classificati come eccellenti.
Solo il 3% delle spiagge espone la cartellonistica informativa circa la classe di qualità delle spiagge (eccellente, buona, sufficiente, scarsa), i dati degli ultimi prelievi e le possibili criticità della spiaggia stessa nonostante quest’anno sia scattato l’obbligo per i comuni di apporli.
 
Fonte: Comunicato Stampa Lega Ambiente
 
<p><span style="text-align: justify;">Oltre a informazioni su</span><strong style="text-align: justify;"><em> goletta verde 2015, lega ambiente</em></strong><strong style="text-align: justify;"><em></em></strong><strong style="text-align: justify;"><em>, </em></strong><span style="text-align: justify;">su Effetto Terra puoi trovare informazioni su inquinamento acqua italia, acqua itali, depurazione, inquinamento mare</span><span style="text-align: justify;"> e iscriverti a </span><a style="text-align: justify;" href="/archivio-newsletter">newsletter</a><span style="text-align: justify;">, </span><a style="text-align: justify;" href="/directory">segnalare siti</a><span style="text-align: justify;"> e partecipare a </span><a style="text-align: justify;" href="/forum">forum</a><span style="text-align: justify;">, nonchè visitare i </span><a style="text-align: justify;" href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a><span style="text-align: justify;">, che trattano queste tematiche.</span></p>"

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter