COP 24 Katowice 2018

Dal 3 al 14 dicembre 2018, si terrà nella città di Katowice (Polonia), la prossima Conferenza Mondiale sul clima delle nazioni Unite COP24.

L’incontrò sarà presieduto dal Prof. Jan Szyszko, Ministro dell’Ambiente polacco, il quale ha già diffuso che saranno presenti oltre 30.000 delegati provenienti da tutto il mondo, inclusi i capi di governo ed i ministri dei Paesi responsabili dei problemi ambientali e climatici.
La regione di Katowice è un’area abbastanza estesa della Polonia, centro industriale pesante. Le zone montagnose della regione sono ricche di carbone, l’estrazione del quale fece risultare la città importante a livello economico mondiale. Questo potrà sembrare una coincidenza, ma per il secondo anno consecutivo ad ospitare il summit sarà una nazione che punta ancora fortemente sullo sfruttamento del carbone per la produzione di energia, nonostante si tratti della fonte fossile più dannosa per l’equilibrio climatico mondiale.
L’appuntamento di quest’anno sarà cruciale, infatti verrà portato in discussione ciò che è stato definito alla COP23 di Bonn, ovvero il “Dialogo di Talona”. Il cui obiettivo è rivedere le cosiddette Ndc (Nationally determined contribution), cioè le promesse avanzate dai governi di tutto il mondo in materia di riduzione delle emissioni di CO2.  La Conferenza sul Clima avrà un grande rilievo per la diplomazia internazionale che si occupa di tale materia. tutto questo è dovuto ai progressi che ci si aspettano dai singoli Paesi per raggiungere gli obiettivi già fissati dagli accordi di Parigi.
Il tema di quest’anno è “Changing Togheter” (Cambiamo Insieme), un bellissimo invito che si fa a tutte le parti in causa presenti per raggiungere velocemente ed insieme gli obiettivi fissati a Parigi. Il principale obiettivo della Conferenza, penultima fermata verso il 2020, è quello di effettuare un bilancio delle misure che i Paesi stanno approntando per raggiungere gli obiettivi prefissati contro i cambiamenti climatici.
Patricia Espinosa, segretaria generale dello United Nations Framework Convention on Climate Change ha dichiarato che “Il 2018 sarà un altro anno importante per la diplomazia climatica internazionale man mano che i Paesi cominciano ad avanzare nell’applicazione degli Accordi di Parigi. Di fatto nel 2018 speriamo di raggiungere una serie di risultati chiave. Tra queste pietre miliari è necessario completare le linee direttive per far sì che l’accordo sia completamente operativo, così come è necessario fare un bilancio sui risultati che i Paesi stanno raggiungendo in maniera collettiva  per rispettare gli obiettivi di Parigi e  aumentare il livello di azione per gli anni futuri. L’espansione ed una migliore gestione delle aree boschive è di fondamentale importanza per il raggiungimento degli Accordi di Parigi. Ad ogni modo dobbiamo neceesariamente aumentare i progressi in tutti i settori dell’economia se vogliamo raggiungere e sfruttare al massimo tutto il potenziale degli accordi di Parigi in questo secolo”.

A.I.

Fonte: http://cop24.gov.pl/

<p>Oltre a informazioni su <strong><em>c</em><em>op24, katowice 2018, conferenza mondiale sul clima, nazioni unite, </em></strong>su Effetto Terra puoi trovare informazioni su cambiamenti climatici, sfruttamento carbone, accordi di parigi, riscaldamento globale, <a href="/directory">segnalare siti</a> nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.