DAFI- Decreto Infrastrutture combustibili alternative

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio scorso, entrando così formalmente in vigore, il DAFI, ossia il decreto legislativo dedicato alla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi.
 
Il provvedimento, in attuazione della Direttiva UE 2014/94/UE disciplina le misure necessarie a garantire la costruzione e l’esercizio di un’infrastruttura per i combustibili alternativi (i punti di ricarica per i veicoli elettrici e i punti di rifornimento di gas  naturale  liquefatto e compresso, idrogeno e gas  di  petrolio  liquefatto) e per l’attuazione delle specifiche tecniche comuni per tale infrastruttura, con l’obiettivo di “ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore dei trasporti”. Sul fronte dell’e-mobility il decreto prevede che entro il 31 dicembre 2020, sia realizzato “un numero adeguato di punti di ricarica” accessibili al pubblico e, secondo le esigenze del mercato, che i veicoli elettrici circolino con priorità nelle città metropolitane e altre aree  urbane che hanno registrato nell’ultimo triennio lo sforamento dei limiti delle concentrazioni inquinanti. In base al decreto, entro il 31 dicembre 2017, i comuni dovranno adeguare i propri regolamenti prevedendo che, ai  fini  del conseguimento del titolo abilitativo edilizio, sia obbligatoriamente prevista per gli immobili di nuova costruzione o ristrutturati a uso diverso da quello residenziale (con superficie utile superiore a 500 metri quadrati) e per quelli residenziali di nuova costruzione con almeno dieci unità abitative, la predisposizione all’allaccio per la possibile infrastruttura per la ricarica dei veicoli elettrici. Gli spazi auto dotati di colonnina devono essere non inferiore al 20 per cento di quelli totali. Le Regioni, nel caso di autorizzazione alla realizzazione di nuovi impianti di distribuzione carburanti e di  ristrutturazione di quelli esistenti, devono prevedere l’obbligo di infrastrutture di ricarica elettrica “di potenza elevata almeno veloce” ossia compresa tra 22 kW e 50 kW. Gli enti locali, al momento della sostituzione del rispettivo parco autovetture, autobus e mezzi di servizio di pubblica utilità come quelli della raccolta dei rifiuti, sono obbligati all’acquisto di almeno il 25 per cento di veicoli a GNC, GNL e veicoli elettrici e veicoli a funzionamento ibrido bimodale o ibrido multimodale. Sono previsti inoltre, a tutela dei consumatori, specifici obblighi, relativi alle informazioni, che devono essere chiare, circa i combustibili che possono essere utilizzati in un veicolo, mediante un’etichettatura standardizzata, oltre a indicazioni nei punti di ricarica e rifornimento.
 
Fonte: rinnovabili.it

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter