Ecobonus 2017

L’11 dicembre 2016 è stata approvata la Legge di Stabilità 2017 (sulla Gazzetta Ufficiale del 23 dicembre 2016) e in questa versione definitiva sono previste un’ampia serie di detrazioni fiscali, vediamo quali sono.
 
Tra le misure convertite in legge la detrazione Irpef del 50% per chi decide di fare dei lavori di ristrutturazione edilizia nel 2017. La soglia massima sarà di 96mila euro e copre interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo. Rientrano all’interno del bonus le opere di manutenzione delle parti comuni ed anche i lavori necessari per la ricostruzione o il ripristino di un immobile danneggiato a seguito di una calamità, a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza. In tema di calamità, come i terremoti del centro Italia, sono previste detrazioni per mettere in sicurezza gran parte degli edifici che sorgono in zone sismiche. Per questa ragione, anche nel 2017 saranno previste delle detrazioni che arriveranno fino all’85% in caso di miglioramenti considerevoli della classe di rischio. In base alla categoria antisismica raggiunta dopo l’intervento, infatti, si avrà diritto al 50, 70 o all’80% per le singole abitazioni e al 50, 75, 85% per i condomini. L’incentivo sarà valido per gli interventi realizzati fino al 31 dicembre 2021, e coprirà una spesa massima di 96 mila euro, che verrà rimborsata in cinque anni. Vale invece fino al 31 dicembre 2017 l’ecobonus, ossia la detrazione del 65% per sostituire gli impianti di climatizzazione invernale, installare pannelli solari per la produzione di acqua calda o fare altri interventi di riqualificazione energetica globale. Il bonus verrà spalmato per 10 anni sull’Irpef, nel caso delle persone fisiche, o sull’Ires, nel quello delle società. Anche per l'eco bonus, come per il sisma bonus, la percentuale di detrazione sarà graduata in base all’entità dei lavori effettuati. Quindi per le singole abitazioni si ha diritto a un bonus del 65%, mentre si potrà salire al 70% se l’intervento interessa "almeno il 25% dell'involucro edilizio" come nel caso in cui si decida di dotare lo stabile del cosiddetto "cappotto termico" e al 75% quando l’intervento porti al miglioramento della prestazione energetica non solo invernale ma anche estiva. Nel 2017 potrà usufruire di agevolazioni fiscali anche chi deciderà di comprare nuovi mobili o grandi elettrodomestici per la propria abitazione. Per queste spese avrà diritto a una detrazione fiscale del 50% per un massimo di 10mila euro, a patto che l’ammodernamento avvenga in parallelo ai lavori di ristrutturazione in casa. Per quanto riguarda gli elettrodomestici ci si potrà avvalere del bonus solo acquistando apparecchiature di classe energetica non inferiore alla A+ (solo per i forni è ammessa la classe A) e per le quali è prevista l’etichetta energetica. Mentre tra gli arredi sono previsti: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, ma anche materassi e apparecchi di illuminazione. 
 
Fonte: tg24.sky.it, adnkronos.com

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter