Eventi climatici: riscaldamento globale e disastri metereologici

Lo scorso dicembre, il “Bulletin of the American Meteorological Society” ha pubblicato la sesta valutazione tra il cambiamento climatico e gli eventi estremi del 2016-2017. Il report è stato realizzato dall’American Meteorological Society.

Il documento in questione seleziona una manciata di eventi estremi dell’anno precedente e separa gli effetti del cambiamento climatico antropogenico dalla variabilità naturale, ovvero da ciò che il pianeta potrebbe essere senza l’influenza umana. Gli scienziati – 116 provenienti da tutto il mondo -  coinvolti nella redazione del documento affermano che molti eventi non sarebbero potuti accadere se il pianeta non si fosse riscaldato e la causa è l’aumento di gas serra causato dall’uomo.
Alcuni esempi di eventi climatici estremi che hanno colpito nel 2016 il nostro pianeta sono uragani e ondate di calore che di anno in anno sono sempre più frequenti. Sempre secondo gli esperti, i tre eventi estremi che hanno portato al cambiamento climatico causato dall’attività umana sono stati: l’aumento della temperatura media globale, le temperature record in Asia – soprattutto le ondate di calore che hanno colpito la Thailandia nell’aprile 2016, e infine, il riscaldamento delle acque oceaniche nel Golfo dell’Alaska, nel Mare di Bering e al largo della costa dell’Australia settentrionale che hanno contribuito allo sbiancamento della Grande barriera corallina. Queste cause hanno portato dal 2016 in poi ad ondate eccessive di calore oceanico, incendi di foreste e boschi, tempeste di neve e gelate fuori stagione, oltre a forti precipitazioni, siccità e eventi estremi di caldo e freddo sulla terraferma.
Anche il rapporto Nasa pubblicato il 18 gennaio 2017, ha confermato che il 2016 è stato l’anno più caldo di sempre, certificando un eccessivo surriscaldamento globale. Secondo, l’Organizzazione Metereologica Mondiale (WMO), il 2017 verrà ricordato come il terzo più caldo della storia. Infatti la temperatura media globale registrata da gennaio a settembre ha raggiunto gli 1,1° C, ed è importante sottolineare che siamo al limite della soglia della temperatura globale degli 1,5° C prevista dall’Accordo di Parigi e sottoscritta da 195 Paesi.
L’aumento di temperatura, però, è solo uno dei record negativi raggiunti nell’anno che si appena chiuso. I cambiamenti climatici rendono gli eventi meteo sempre più estremi e ne abbiamo avuto prova durante tutto il corso dell’anno. Abbiamo sentito parlare non poco dell’uragano Irma che ha devastato i Caraibi per poi abbattersi sugli Stati Uniti sud orientali. Quest’ultimo è stato solo uno degli eventi atmosferici estremi avvenuti nel 2017. Il cambiamento climatico ha riguardato anche l’Europa . Secondo il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) il 2017 è stato l’anno più secco in Italia dal 1800 ad oggi: le piogge sono infatti diminuite del 30% con gravi conseguenze per le riserve idriche.
Le brutte notizie purtroppo non finiscono qui. I grandi ghiacciai situati nell’Artico e in Antartide risentono maggiormente del surriscaldamento globale e lo dimostra il fatto che negli ultimi 30 anni il Polo Nord si è scaldato più di qualunque altra regione del Pianeta. Tutto questo ovviamente favorisce la perdita di biodiversità che è ai massimi storici e che ha un impatto diretto sull’uomo. Lo stesso uomo la cui opera è responsabile di tutti i disastri naturali sopra elencati.

a.i.

Fonte: www.ametsoc.org; www.cnr.it

<p>Oltre a informazioni su <strong><em>bulletin of the american meteorological society, cambiamento climatico, disastri metereologici, temperatura media globale</em></strong>, su Effetto Terra puoi trovare informazioni su ondate di calore, consiglio nazionale delle ricerche, perdita di biodiversità e iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.