Fermenti urbani

Massa Critica e Guerrilla Gardening (giardinaggio d’assalto): due fenomeni che nascono dall’esigenza di vivere la città in modo più partecipato e che nelle nostre metropoli stanno avendo un piccolo ma crescente successo.

Massa Critica è l’azione di una  massa compatta di biciclette che si muove lungo le vie della città occupando lo spazio normalmente utilizzato dal traffico automobilistico, obbligando così i veicoli a motore a procedere alle velocità tipiche delle biciclette. Il termine critico rimanda a ciò che accade nelle metropoli asiatiche, in cui i ciclisti si fermano agli incroci delle strade e aspettano ad attraversare finché il numero della massa non raggiunge una quantità "critica". Si chiama invece Guerrilla Gardening la creazione di piccoli giardini piantando alberelli e fiori negli angoli di natura rimasti in città e avviliti dal cemento e dall’incuria, per recuperarli e preservarli dal degrado e dall’abbandono. Il termine Guerrilla fa riferimento alle tecniche spesso adottate dai giardinieri, che intervengono di notte e senza troppa pubblicità preventiva. Nati entrambi nelle metropoli degli Stati Uniti (il primo raduno di ciclisti critici consapevoli si tenne a San Francisco nel 1992, la parola giardinaggio d’assalto invece viene coniata negli anni settanta dagli ambientalisti di New York) e poi diffusisi in Gran Bretagna e nel resto dell’Europa, in molte città i due movimenti sono strettamente collegati tra loro, non solo in termini pratici perché condividono la stessa area di partecipazione, ma soprattutto in termini ideali in quanto il modello di urbanizzazione a cui si ispirano presenta molti caratteri in comune. Sia l’uno che l’altro sono movimenti “politici”, nel senso che l’obiettivo dell’azione è modificare il modello di sviluppo metropolitano dimostrando invece la resistenza di un pensiero alternativo, che riflette sulla condizione delle nostre metropoli e usa la fantasia per rovesciare gli schemi consolidati. Massa critica vuole essere la dimostrazione attiva di come la città sarebbe più vivibile se rinunciassimo alla dipendenza dalla cultura dell'auto. All’arroganza spaziale e uditiva del mezzo a motore si sovrappone la pacifica pedalata che produce energia pulita e ristabilisce il contatto umano, le due ruote come simbolo di un tempo vissuto con minore stress e maggiore spirito civile. Tanti sono i benefici della bicicletta: non s’inquina; si guadagna tempo; si risparmia; si circola sempre e ovunque; ci si ferma facilmente se si incontra un amico. Anche il giardinaggio guerrigliero non è solo una forma di resistenza contro il degrado urbano, quanto soprattutto un cambio di mentalità nel rapporto tra privati, pubblico e spazio. E’ un giardinaggio politico che nasce dall’urgenza di vivere in città grigie e tristi. Il farsi spettatori attenti del paesaggio urbano che ci circonda è il primo passo per divenire attori consapevoli delle sue trasformazioni. Nella maggior parte delle città si tratta di fenomeni spontanei e non di associazioni né di organismi strutturati. Piuttosto, di incontri informali di cittadini che amano pensare (e per ciò agire di conseguenza) che un’altra urbanizzazione, meno inquinante, meno triste e meno atomizzante, è possibile.A Torino questi due gruppi hanno presenze diverse. Massa Critica è sicuramente il più  strutturato e vanta già alcuni anni di attività. Possiede un proprio sito internet/blog dove si segnalano orari e luoghi delle manifestazioni torinesi (di solito ogni primo sabato pomeriggio e ogni terzo giovedì sera del mese in piazza Palazzo di Città), nonché si pubblicano reportage e inchieste sulla condizione di ciclista a Torino e si linkano articoli interessanti sul mondo delle bici presi dal web. I Guerrilla Gardeners torinesi invece si chiamano Badili Badala; pur esistendo solo da pochi mesi, possiedono a loro volta un sito ma per incontrarli bisogna contattarli prima via mail; per vedere invece una loro realizzazione si può andare in Piazza Baldissera, di fronte alla stazione Dora, e cercare l’aiuola trasformata, dove i fiori hanno preso il posto di qualche ciuffo d’erba rinsecchito.

Fonti e approfondimenti:
http://www.massacriticatorino.it/ http://badilibadola.wordpress.com/ 

http://www.repubblica.it/2007/06/sezioni/ambiente/guerrilla-garden/guerrilla-garden/guerrilla-garden.html

Oltre a informazioni <strong><em>su guerrilla gardening, massa critica,</em></strong> su Effetto Terra, puoi trovare informazioni e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

Contenuti più visti

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter