H2o Roma: presentate le prime auto ad idrogeno

Per ora solo una categoria di alta fascia, ma le case automobilistiche iniziano a prendere sul serio i nuovi motori a sistema ibrido

L' idrogeno diventa realtà commerciale: dopo lo sbarco quest'anno delle lussuose Hydrogen 7 Bmw, Honda lancerà i suoi modelli negli Usa e in Giappone nel 2008 e Mercedes-Benz proporrà la Classe B di serie dal 2010. L'annuncio delle nuove frontiere ecocompatibili raggiunte dai gruppi auto e' arrivato in occasione di H2Roma, la manifestazione dedicata all'Energia e alla mobilita' sostenibile che si è tenuta a Roma nei primi giorni di novembre.
'Il sistema ibrido e' un passaggio obbligato - commenta Alessandro Skerl, general manager di Honda Italia - consente il 35% di risparmio energetico; nel 2009 lanceremo una nuova ibrida di piccole dimensioni. Ma crediamo molto anche nell'idrogeno, stiamo per lanciare negli Usa e in Giappone la nuova FCX''.
Sull'idrogeno punta anche molto Mercedes-Benz che annuncia la commercializzazione di serie, a partire dal 2010, della Classe B mentre General Motors guarda con molta attenzione alla motorizzazione elettrica, ''anche se in effetti - puntualizza Andreas Dindorf, manager di Gm Europe - la nostra e' una strategia verde mista che punterà anche sui biocarburanti,sull'ibrido e sull'idrogeno e per fare ricerca in questi settori abbiamo programmato investimenti per un ammontare di 700 milioni di euro nei prossimi cinque anni''. Insomma come sempre, è il mercato a decidere ''.
Le case automobilistiche hanno capito il valore commerciale delle tecnologie pulite - osserva Fabio Orecchini,docente di Sistemi Energetici all'Universita' La Sapienza di Roma e promotore dell'evento H2Roma - e da tre anni a questa parte hanno accelerato nella direzione di concretizzare quelle proposte di mobilita' eco sostenibile che prima sembravano pure chimere''. Anche Fiat ha implementato gli investimenti nella ricerca e sviluppo, passati da 1,5 a 2 miliardi di euro annui, gran parte dei quali - sottolineano dal Lingotto - destinati allo sviluppo delle nuove tecnologie in grado di produrre energia. Per la casa torinese la scommessa, richiesta a gran voce anche dal sindacato metalmeccanico che nel risanamento di Fiat ha avuto un ruolo non secondario, dovrebbe essere la sperimentazione del motore a idrogeno, che porterebbe un nuovo motore a Mirafiori e lancerebbe la casa automobilistica in una nuova fetta di mercato.
Presso la sede del Ministero dell'Ambiente a Roma, Anton Reisinger, vice presidente del progetto Clean Energy della Bmw, ha consegnato al ministro Alfonso Pecoraro Scanio una Bmw Serie 7 alimentata a idrogeno.
Fonte: H2roma

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter