Il 21 novembre Giornata Nazionale degli Alberi

Quest’anno siamo stati costretti a rimanere chiusi a lungo nelle nostre case, in particolare durante la primavera, nei mesi in cui la natura rinasce, tornando a farsi sentire viva e presente.

C’è chi il lockdown l’ha trascorso in appartamento, in città, e magari ha faticato ad ammirare dal balcone o dalla finestra il cambiamento che l’arrivo della primavera ha portato agli elementi che inevitabilmente dalla natura dipendono. C’è anche chi ha la fortuna di abitare in aree particolarmente verdi della città, oppure fuori da essa, magari in una casa con giardino, e ha certamente apprezzato tutti i lati positivi che questa possibilità offre: dover stare chiusi nella propria abitazione deve essere parso loro meno pesante.

In ogni caso è fondamentale essere consapevoli di quanto noi esseri umani dipendiamo dalla natura e di quanto essa sia alla base della nostra sopravvivenza e del nostro benessere, soprattutto in quest’epoca in cui quello dell’ambiente è un tema divenuto centrale, dopo essere stato trascurato troppo a lungo.

Ecco perché anche nel 2020, anno in cui le esigenze sono state, almeno superficialmente, altre rispetto a quella ambientale, non bisogna mai dimenticarsi di quanto l’armonia con la natura e l’ambiente siano la base per un futuro più promettente. Quest’anno è importante continuare a celebrare la Giornata Nazionale degli Alberi, istituita con la Legge n. 10 del 14 gennaio 2013, e Legambiente, che ogni anno promuove iniziative legate a questa celebrazione, quest’anno ha lanciato il progetto #VasiComunicanti, una metafora che rappresenta l’interconnessione tra le azioni di ciascuno e il benessere del pianeta. L’invito è quello di piantare un semino e postare sui social una foto con la piantina o il vaso contenente il seme piantato, per diffondere questo importantissimo messaggio.

Legambiente ha inoltre promosso il III Forum Nazionale “La Bioeconomia delle Foreste: Conservare, Ricostruire, Rigenerare”, che si è tenuto il 19 novembre e in cui si è discusso dell’avvio di un “processo di transizione verde dell’intera economia, puntando sulla gestione e pianificazione forestale sempre più sostenibile e responsabile” oltre che “del ruolo che le nostre foreste possono avere nell’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e per raggiungere gli obiettivi della Strategia UE per la biodiversità”. L’incontro è stato registrato ed è possibile visionarlo sul sito.

Redazione

Fonti: legambiente.it


Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

Contenuti più visti