Il pericolo nucleare nella tragedia del terremoto in Giappone

Oltre alle cause nefaste del  terremoto di magnitudo 8,9 che stamattina ha colpito il Giappone, sta crescendo  nella nazione del Sol Levante il timore per gli effetti del disastro sulle centrali nucleari del paese, ubicate nei  territori e vicino alle zone interessate dal sisma. Molte di esse sono state evacuate, mentre altre sono in fase di spegnimento.  

Il bilancio provvisorio, della catastrofe parla di oltre 300 morti e 350 dispersi,  numeri  che sembrano purtroppo destinati a salire nelle prossime ore, come confermano i dati gravissimi e non ancora certi, che man mano giungono mentre scriviamo. Naturalmente il pensiero va  alle vittime e agli sfollati dell’ennesima calamità naturale che colpisce il pianeta.  Il terremoto che ha scosso il Giappone questa mattina è il più forte degli ultimi 150 anni. Una potenza devastante che ha generato uno tzunami di dieci metri di altezza, che si è propagato fino alle Hawaii.
Oltre alle proporzioni delle vittime e dei danni, ad accrescere la tensione e lo sgomento è il pericolo nucleare in atto nella nazione del Sol Levante. Il sisma e il relativo tzunami hanno investito le zone dove sorgono alcune centrali nucleari giapponesi, facendo scattare l’emergenza nucleare. Centrali evacuate e notizie poco confortanti su alcuni reattori con problemi nel loro spegnimento, sono confermate a battutte da tutte le agenzie di stampa internazionali. Sono duemila gli sfollati  vicino alla centrale atomica di Fukushima, nella omonims prefettura nord-orientale giapponese, tra le piu' colpite dal terremoto, tutte residenti nel raggio di 2 chilometri dall'impianto nucleare, che sorge alle porte del capoluogo: in precedenza l'agenzia di stampa 'Kyodo' aveva dato notizia di avarie nell'impianto, ma era stata seccamente smentita dal governo centrale.
Timori e paure che non devono essere sottovalutate e che dimostrano una volta di più che quando si parla di nucleare, bisognerebbe  porre molta attenzione alle affermazioni che si fanno poiché, se è vero che il  nucleare non è pericoloso di per sé,  probabilmente è anche sicuro da alcuni punti di vista, ma in casi di malfunzionamenti, errori o disastri naturali come questo, i danni potrebbero essere incalcolabili.

Fonte:  ANSA, Repubblica, AGI

 

Oltre a informazioni su<strong> terremoto in Giappone,</strong> su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su tsunami, centrali nucleari, rischio nucleare e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>,<a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter