La bici di cortesia? No grazie

Un carrozziere di Torino propone, invece della solita vettura di cortesia, per i suoi clienti che lasciano l'auto in riparazione, la bici, ma nessuno accetta...

Leonardo Di Nicoli gestisce una carrozzeria in via Aquila a Torino e di bici ha cominciato a interessarsi dopo aver avuto un infarto, scoprendo nella bicicletta una valida alternativa all'auto, anche in città. Infatti da allora i piccoli spostamenti il carrozziere li compie solo in bici e non più solo per salute, anche per il risparmio di tempo evitandole code, non cercando più l'ambito parcheggio, e risparmiando anche denaro, che oggi visto il prezzo della benzina non fa mai male...
Così ha deciso di offrire un servizio diverso e responsabile ai suoi clienti: la bici di cortesia. E' risaputo che quando si lascia l'auto in riparazione per molto tempo le officine offrono una vettura sostitutiva, la cosiddetta "vettura di cortesia", e di più: il sig Di Vicoli offre una bici con tanto di cartello "bici di cortesia", come per le vetture appunto.
Da cinque anni però nessuno accetta il mezzo a due ruote in sostituzione della propria berlina, e l'eco-carrozziere afferma che "Quando la proponiamo i nostri clienti ci ridono sopra, ma noi continueremo a offrirla, chissà che un giorno qualcuno non si lasci tentare. Intanto la usiamo noi, la bicicletta, per fare le commissioni e i piccoli spostamenti quotidiani."

Fonte: EcoBlog


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

Contenuti più visti

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter