La nutella sostenibile! Quando l’attivismo e l’impegno civile pagano

La Ferrero aderisce alla richiesta di moratoria lanciata da Greenpeace sull'espansione delle coltivazioni di palma da olio nelle foreste pluviali del Sud Est Asiatico, che mettono a rischio estinzione gli ultimi oranghi del Borneo. Con l’adesione alla campagna Ferrero e Nutella fugano ogni dubbio sul proprio impegno.

Chissà se Re Luigi e Mowgli, celebri protagonisti della pellicola Disney “Il libro della giungla” e Rudyard Kipling autore dell’omonima raccolta di racconti, sarebbero stati ghiotti di Nutella ai tempi della loro nascita e quali reazioni avrebbero avuto a questa notizia. Sicuramente un orango e degli umani (con a cuore la propria salute e quella della Terra) non potrebbero che rallegrarsene, essendo la produzione di olio da palma, con il conseguente disboscamento selvaggio delle foreste del Borneo e del sud est asiatico, per poterne permettere la produzione, una delle maggiori cause dell’immissione nell’atmosfera di gas serra in queste zone. Naturalmente per il primate ci sarebbe un ulteriore motivo di soddisfazione, non proprio secondario, la possibilità di continuare ad esistere anche in un futuro prossimo e quindi ogni iniziativa tesa a diminuire lo sfruttamento della foresta primaria in cui vivono gli oranghi, non può che venire accolta come segnale positivo. Si perché nel sud est asiatico ed in queste distese di fitta vegetazione sopravvivono gli ultimi esemplari della specie degli oranghi del Borneo e di Sumatra che fanno della giungla il loro habitat naturale. Luoghi dove secondo il rapporto “Borneo in fiamme” stilato dall’associazione ambientalista, i produttori di olio non esitano ad ucciderli, per aumentare la superficie delle proprie coltivazioni.

Campagna Salva la foresta

Bene cosa c’entra il celebre prodotto dell’azienda di Alba a base di nocciole del Piemonte, con luoghi dal sapore salgariano e distanti migliaia di chilometri? Presto detto, dalle analisi realizzate da Greenpeace, presso due diversi laboratori di analisi in Italia e Germania risulterebbe che la Nutella, contiene una frazione di oli vegetali del 31% costituita prevalentemente da olio di palma. Da dove provengono queste sostanze? Un dubbio che non poteva lasciare indifferenti, da qui il via della campagna “Nutella salva la foresta”, che ha visto un’adesione di oltre 10.000 persone, con relativo invio alla Ferrero di una lettera che chiedeva "Che mondo sarebbe senza foresta?". Una mobilitazione che ha visto i propri sforzi premiati da un impegno concreto, attraverso un messaggio, in forma di lettera, che la famosa multinazionale che produce la Nutella ha inviato a Greenpeace. Comunicazione che si può riassumere nel seguente passaggio "Ferrero è pronta a muoversi per raggiungere, in un lasso di tempo ragionevole, i seguenti obiettivi: moratoria su ulteriori deforestazioni dovute alla produzione di olio di palma e sviluppo di sistemi credibili di tracciabilità e di certificazione di quest'ultimo". Ferrero precisa che tali obiettivi devono essere perseguiti all'interno della RSPO (Tavola Rotonda per l'Olio di Palma Sostenibile), il tavolo internazionale e istituzionale costituito a tale scopo, in collaborazione con tutti i suoi membri. Una vittoria che però non avrà effetto se le altre multinazionali che aderiscono alla RSPO non smetteranno di distruggere le foreste pluviali del Sud Est Asiatico, per questo motivo la campagna di Greenpeace continuerà con l’appoggio di Unilever e Ferrero.

Fonte: Greenpeace, Nutella salva le foreste

Oltre a informazioni sulla <em><strong>nutella</strong></em>, su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su Ferrero, olio di palma, oranghi, foreste e deforestazione e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.