Mobilità: Torino sceglie bus e metrò

Un recente rapporto della Gruppo Torinese Trasporti e del comune di Torino ha sancito la differenza dal dato nazionale sui trasporti pubblici, la città di Torino ha registrato nel 2007 trentamila vetture in meno e 800mila corse in più. Gtt rilancia con una campagna pubblicitaria a tappeto:"Scopri i mezzi per risparmiare" con un sito per il calcolo del guadagno, nel cambio tra auto e bus o metrò.

Avevamo pubblicato giorni fa il quinto rapporto sulla mobilità in Italia realizzato da Isfort per Asstra (Mobilità: per scelta o per forza gli italiani scelgono l'auto), dove il dato che veniva evidenziato era estremamente drastico: gli italiani nonostante il prezzo della benzina, il traffico e le limitazioni nelle città scelgono ancora l'auto come mezzo privilegiato. Torino invece dimostra un'inversione di tendenza significativa, fondata sui numeri: i dati forniti il 12 maggio dall´assessore comunale ai Trasporti Maria Grazia Sestero e dai vertici di Gtt riportano un dato su tutti: 30 mila auto in meno ogni giorno sulle strade della città.
Nei primi due mesi dell´anno, raffrontati con il bimestre corrispondente del 2007, si sono registrati oltre 500 mila viaggi in più su pullman, tram e convogli sotterranei. I "passaggi" - la somma di corse singole e multiple effettuate dagli utenti, contate in base a biglietti e abbonamenti venduti - dal 2006 al 2007 sono saliti da 30 milioni e 178 mila a 30 milioni 992 mila. In tutto il 2007 erano stati 168 milioni e 473 mila, contro i 165 milioni e 229 mila del 2006. I soli abbonamenti annuali nel 2007 hanno toccato quota 70 mila, con un ragguardevole balzo in avanti rispetto ai 44 mila del 2006. Nel 2007 sono stati distribuiti un milione e 100 mila mensili, il 5 per cento in più del 2006. Parallelamente si è alleggerita la pressione dei veicoli privati, monitorati dai 1.500 sensori disseminati nelle strade e nelle piazze della città. A gennaio gli spostamenti su gomma sono diminuiti del 6.31 per cento rispetto al gennaio 2007, a febbraio il calo è stato del 3.32 per cento. In marzo e aprile, considerati insieme perché la Pasqua è caduta in mesi diversi, la differenza in negativo ha superato i 4 punti: meno 4.26 per cento. Il che vuol dire 30 mila auto in meno.

Scopri i mezzi per risparmiare è la campagna che su questa base Gtt lancia a tappeto inaugurando anche un sito per il calcolo del guadagno, nel cambio tra auto e bus o metrò: www.risparmiogtt.it Il sistema per il calcolo è semplice. E gli esempi portati, sulla base delle tabelle Aci, rendono l´idea del possibile impatto positivo sulle tasche dei cittadini. Si calcola il costo dell´utilizzo di una quattro ruote, sommando le spese per il carburante, la manutenzione, le riparazioni ordinarie, l´usura pneumatici. Si ipotizza come base una percorrenza annua di 5 mila chilometri. Si toglie dal totale così ottenuto il prezzo dell´abbonamento per dodici mesi ai mezzi pubblici, pari a 290 euro. Con una utilitaria il taglio è di 610 euro, con un Suv restano in tasca 1.860 euro. E qualunque tipo di veicolo rimanga in garage a favore di tram e affini, nel 2008 ci sarà un vantaggio comune per tutti coloro che conserveranno tessere di viaggio e scontrini per la ricarica: la detrazione del 19 per cento dalle tasse, con un tetto massimo di 250 euro.

Fonte: Gruppo Torinese Trasporti , Repubblica Torino


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter