Referendum Anti Trivelle

La Corte Costituzionale, ribadendo il parere della Corte di Cassazione, ha dichiarato ammissibile il referendum, proposto dai movimenti anti trivelle e da nove Regioni, sulla durata delle autorizzazioni già rilasciate per ricerca ed estrazione.
 
Il quesito referendario approvato dalla Consulta propone di abrogare la norma che consente alle società, già titolari di permessi e concessioni, di sfruttare un giacimento “per l’intera vita utile del giacimento”, posticipando così sine die il periodo di dismissione. Erano stati inoltre proposti altri 5 quesiti che, dopo le modifiche apportate dall'ultima legge di Stabilita', sono stati dichiarati inammissibili sia dall'Ufficio centrale per il referendum della Cassazione sia dalla Corte Costituzionale.
Ma i comitati non hanno “deposto le armi”, infatti per altri due quesiti verrà sollevato un conflitto di attribuzione da 9 Regioni italiane contro il Parlamento. Con questa mossa, i Consigli regionali sperano di costringere il governo a stabilire vincoli temporali per le autorizzazioni e restituire il Piano delle aree – cestinato dalla legge di stabilità – che obbliga l’esecutivo a rifarsi ad uno strumento di pianificazione delle attività estrattive condiviso con i territori. In caso contrario, l’opinione degli enti locali non avrà voce in capitolo quando toccherà scegliere le zone da trivellare.
Come spiega, Enzo Di Salvatore costituzionalista e coordinatore No Triv, “se la Corte ammetterà il conflitto e deciderà che vi è stata effettivamente elusione dei quesiti sulla durata dei titoli e sul piano, la sua decisione annullerà le modifiche del Parlamento su questi due punti. Se così fosse, il referendum si potrà celebrare anche sul secondo e terzo quesito".
 
Fonte: rinnovabili.it; ilfattoquotidiano.it

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter