Riutilizzare la carta? Ecco la carta che si cancella

Ogni anno vengano stampate nel mondo circa 15.000 miliardi di pagine delle quali il 44,5% viene letto una sola volta e poi gettato. I documenti nei formati elettronici sono utili proprio per diminuire lo spreco di carta ma oggi c'è di più, la carta che una volta stampata si cancella da sola.


Non stiamo parlando di un film di spionaggio, dove i messaggi si auto-distruggono o sono scritti con l'inchiostro simpatico, siamo nella realtà della tecnologia per l'ufficio. La Xerox, multinazionale nel campo informatico lancerà a breve sul mercato la prima carta cancellabile e riutilizzabile grazie a una stampante speciale. Un normale foglio bianco sul quale si può stampare qualsiasi contenuto che rimarrà impresso per le successive 24 ore e poi scomparirà gradatamente fino a far tornare la superficie nuovamente candida e pronta per essere riutilizzata fino a cento volte.
Sembra di tornare alle Replay, le penne cancellabili prodotte dalla Papermate che promettevano, con risultati incerti, di lasciare il foglio immacolato dopo il passaggio di una gommina magica, ma siamo invece nell'ambito elettronico e l'idea è quella di ovviare allo spreco di carta da ufficio, viste le stime.
Incuriosisce però cercare di capire come un foglio di carta possa auto-cancellarsi e alla Xerox c'è massimo riserbo sui materiali utilizzati per ottenere questo sorprendente risultato.
Di certo si sa che la carta intelligente è stata ricoperta da un composto chimico molecolare simile a quello utilizzato nelle lenti colorate, che si scuriscono o schiariscono a seconda della quantità di raggi ultravioletti che le colpiscono, capace di cambiare colore quando esposto a raggi Uv. A differenza delle lenti colorate però la carta cancellabile si cancella gradatamente impiegando dalle 16 alle 24 ore. Invece di usare inchiostro per produrre parole e diagrammi una speciale stampante scannerizza la carta trattata chimicamente con una specifica quantità di luce che reagisce e produce il testo, nelle successive ore il testo andrà a scomparire fino a cancellarsi completamente. Chi avrà bisogno di riutilizzare la carta prima delle 24 ore potrà passarla nella stampante speciale e con una quantità maggiore di luce il foglio sarà di nuovo immacolato, la stampante infatti non utilizza inchiostro e non ha bisogno di cartucce o ricambi. L'obiettivo della Xerox è quello di produrre una carta cancellabile che costa circa il doppio della carta normale ma che può essere utilizzata fino a cento volte.
Nonostante il sogno di uffici senza carta la quantità di fogli utilizzati è però cresciuta negli ultimi anni con l'aumentare delle tecnologie capaci di produrre copie sempre più facilmente. Il centro di consulenza tecnologica internazionale della Lyra Research stima che le pagine stampate ogni anno nel mondo sono 15.200 miliardi, Xerox aggiunge che il 44,5% dei documenti stampati è utilizzato una sola volta e solo il 25% è riciclato negli appositi contenitori entro lo stesso giorno.
In conclusione crediamo che lo scambio di documenti elettronici potrebbe essere senza dubbio uno delle scelte utili in ufficio, evitando di stampare testi che verrebbero letti solo una volta; al contempo ci riserviamo di capire meglio il funzionamento di questa stampante, che senza dubbio ridurrà lo spreco di carta, ma ad oggi secondo le fonti utilizzate, non sappiamo la composizione chimica né della carta né dell'inchiosto.

fonte: Repubblica 


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter