TerraCycle, così i mozziconi diventano plastica

“La nostra missione è e sarà rendere riciclabile nel tempo ciò che oggi non lo è”. E’ quanto dichiarato da Tom Szaky, imprenditore di trent’anni che ha lasciato la Princeton University per dare vita ad una azienda innovativa ed eco-friendly nel New Jersey: la TerraCycle.  Che trasforma i mozziconi di sigarette – uno dei problemi ambientali più invasivi al mondo – in plastica.
 
Niente del mozzicone viene gettato via o sprecato. L’azienda sta promuovendo in Canada un progetto iniziato a maggio del 2012 per raccogliere i mozziconi di sigarette e trasformarli in plastica utilizzabile per qualsiasi tipologia di prodotto. L’idea sta raccogliendo grandi successi, d’altra parte la materia prima non manca, come spiega il fondatore dell’azienda: «Non ci sono state grandi risposte solo dagli individui o dalle aziende, ma soprattutto dalle Ong. In Canada, un terzo delle sigarette che abbiamo raccolto sono arrivate da gruppi come World Wildlife Fund e Ocean Conservancy. Quando puliscono spiagge o altro invece di buttare le sigarette le mandano a noi». La missione di Szaky, che sul sito dell'azienda invita ad inviare la propria immondizia, è di eliminare il concetto stesso di spazzatura riciclando anche i materiali più improbabili per dare vita a nuovi oggetti e ovviamente guadagnare. Confezioni di succhi di frutta, bottiglie di plastica, penne, capsule di caffè, confezioni di caramelle, spazzolini da denti e le tastiere di computer sono tutti grano da macinare per il mulino di TerraCycle. Mr. Szaky, però, preferisce i mozziconi di sigaretta: «Ci vogliono tra 1000 e 2000 mozziconi per fare un posacenere di plastica, e più di 200.000 per fare una sedia da giardino. Non che ci sia alcuna carenza di forniture: il 37 per cento di rifiuti del mondo è in mozziconi di sigaretta».

La strategia utilizzata dalla TerraCycle è semplice, le cicche di sigaretta vengono “sezionate”: la carta e il tabacco rimanente finiscono nel compostaggio mentre i filtri di acetato di cellulosa vengono fusi e trasformati in una plastica utilizzabile per molteplici obiettivi o per la realizzazione di svariati oggetti. Circa 35 milioni di persone in 22 paesi partecipano a programmi di raccolta TerraCycle, che sono finanziati dalle imprese, come l'abbigliamento Old Navy negli Stati Uniti e Colgate, che supporta la raccolta spazzolino da denti. I volontari che partecipano accumulano punti per ogni cicca, che possono essere riscattati in contributi per le associazioni di beneficenza. TerraCycle vende già i suoi prodotti riciclati in plastica a rivenditori come Walmart e Whole Foods. Sono stati raccolti fino ad oggi  - secondo lo stesso Szaky – oltre un milione di mozziconi di sigarette in Canada e lanciato nuovi progetti negli States e in Spagna.

«Garbage doesn't exist in nature» - ha dichiarato Tom Szaky.  Un assunto da cui tutti dovremo partire per la salvaguardia della nostra salute e dell’ambiente.

 

Fonti: Sydney Morning Herald; AGI

 
 
<p>Oltre a informazioni su <strong><em>TerraCycle, riciclo, </em></strong>su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su eco idee, ecoidee, campagne di sensibilizzazione. Puoi iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter