Torino. La raccolta porta a porta arriva in Crocetta

La campagna Amiat di comunicazione e attivazione del servizio di raccolta differenziata porta a porta arriva in un’area centrale della città, la Crocetta, con venti mezzi nuovi di zecca, 18 mila cassonetti per la raccolta di carta, plastica, vetro, lattine e 17 mila kit deputati all’organico.
 
Grazie al contributo della Provincia di Torino, e con la collaborazione della Città di Torino e della Circoscrizione I, dopo un lungo periodo di arresto nelle attivazioni (l’ultima riguardava il quartiere Mirafiori Sud nel 2009), il porta a porta viene allargato a nuove utenze torinesi. Infatti, con l’attivazione di Crocetta, un quartiere storico e centrale della città, diventano circa 450 mila i torinesi serviti dalla raccolta porta a porta.
I due principali obiettivi del progetto sono:
  • aumentare notevolmente la percentuale di raccolta differenziata (Crocetta parte dal 32,1%), così da rafforzare ulteriormente i già ottimi risultati globali della Città di Torino;
  • accrescere il grado di consapevolezza ambientale, in particolare sul tema rifiuti, di tutti i differenti target di cittadini residenti nella zona. La campagna di comunicazione (svolta in sinergia con Achab Group) e la vera e propria attivazione al servizio sono strettamente interconnesse: dopo la comunicazione ufficiale distribuita in questi giorni a tutte le utenze, da fine gennaio operatori autorizzati e muniti di tessera di riconoscimento consegneranno casa per casa lo starter kit della raccolta differenziata porta a porta, composto da biopattumiera e sacchi per la raccolta dell’organico, sacchi per gli imballaggi in plastica, calendario dei passaggi settimanali e pieghevole informativo.
Ma come funziona il nuovo servizio? I cittadini non trovati presso la propria abitazione potranno ritirare il kit durante tutte le giornate di giovedì e sabato dei mesi di marzo e aprile presso un punto infodistributivo situato al Centro Polivalente della Circoscrizione I, in via Dego 6. Laddove il passaggio informativo sarà già avvenuto, a partire da febbraio, le squadre tecniche Amiat inizieranno a consegnare e posare i cassonetti negli spazi interni delle utenze già individuati durante la fase di progettazione. Le utenze già dotate dei cassonetti potranno quindi iniziare a utilizzare i nuovi contenitori da subito, fermo restando che i “vecchi” cassonetti stradali saranno contemporaneamente presenti per alcune settimane; la loro rimozione verrà segnalata attraverso apposite locandine. La campagna di coinvolgimento prevede inoltre specifiche azioni di comunicazione/informazione che riguarderanno il Politecnico di Torino (utenza che da sola conta 32 mila persone coinvolte tra studenti e lavoratori), le scuole di ogni grado presenti sul quartiere e gli operatori mercatali; sarà inoltre prodotta una piccola mostra itinerante sul riciclo.
Infine ormai da alcune settimane sono attivi la pagina Facebook  e l’account Twitter  “Ricicrocetta”, a cui tutti i cittadini interessati possono iscriversi per ricevere aggiornamenti ed informazioni circa l’attivazione del servizio nel quartiere e il tema rifiuti in genere.
L'area identificata per le nuove attivazioni nel quartiere Crocetta della Circoscrizione 1, è delimitato da:
  • corso Vittorio Emanuele II
    corso Re Umberto, corso Sommeiller, linea ferroviaria
    corso Bramante/Lepanto, piazza Costantino il Grande, corso Monte Lungo
    corso IV Novembre, largo Orbassano, corso Mediterraneo, corso Castelfidardo.
Fonte: torinotoday.it; amiat.it
 

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter