Etichette alimentari

Sapere cosa introduciamo nel nostro corpo attraverso l’alimentazione è importante. Leggere l’etichetta è il mezzo di cui i consumatori possono avvalersi.

I dati che possiamo acquisire dall’etichetta alimentare sono molti e ci permettono di scegliere il prodotto più adeguato alle nostre esigenze e di valutare il rapporto qualità prezzo. La legge è molto precisa sulle informazioni che devono essere riportate:

  • Denominazione di vendita
  • Elenco degli ingredienti 
  • Quantità netta del prodotto
  • Data di scadenza
  • Istruzioni per la conservazione e per l’uso
  • Sede del fabbricante e dello stabilimento

La denominazione di vendita è la descrizione del prodotto e deve corrispondere a denominazioni legali, disciplinate da specifiche normative. Sono denominazioni di vendita: pane, olio extravergine di oliva, vino, ecc.) è anche possibile che un prodotto abbia un nome commerciale di fantasia, ma la denominazione di vendita deve necessariamente essere specificata.
L’elenco degli ingredienti è l’indicazione di tutte le sostanze che compongono il prodotto e devono essere riportati in ordine peso decrescente. La frase che a volte leggiamo su alcune etichette “in proporzione variabile” può essere utilizzata quando nessun ingrediente è prevalente sugli altri, in questo caso l’ordine non ha importanza. Anche gli additivi sono considerati degli ingredienti. L’elenco degli ingredienti è indispensabile per accertarsi che il prodotto non contenga elementi a cui si può essere allergici.
La quantità netta del prodotto indica il peso o volume effettivo del prodotto decurtato della tara della confezione.
La data di scadenza segnala il giorno entro cui il prodotto deve essere consumato, la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro il…” invece indica la data entro la quale le qualità organolettiche e nutrizionali del prodotto rimangono inalterate.
Le istruzioni per la conservazione e per l’uso sono indicate se necessarie per la conservazione e l’utilizzo del prodotto alimentare.
La sede del fabbricante e dello stabilimento di produzione e/o confezionamento necessaria per l’identificazione ai fini della vigilanza igienico-sanitaria.
Quindi, impariamo a leggere le etichette, senza farci trarre in inganno da immagini e nomi fantasiosi.


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter