Cellulari usati: riciclo e solidarietà

Il riciclo incontra la solidarietà sociale sul terreno della telefonia mobile e del suo smaltimento. Aiutare Medici Senza Frontiere, Magis e la Caritas oggi è ancora più semplice: invece di buttare il proprio cellulare usato come, purtroppo, spesso avviene, basta donarlo alle due organizzazioni, il telefono sarà riciclato e il ricavato sarà utilizzato per progetti di solidarietà.


L'11 per cento degli italiani cambia il telefono a meno di un anno dall'acquisto, nel corso del 2007 i cellulari in circolazione hanno superato quota 3 miliardi. Molto spesso la fine dei vecchi cellulari è sempre la solita: la maggioranza dei proprietari li getta nell'immondizia comune, altri, sebben in numero inferiore, per fortuna smaltiscono il vecchio apparecchio consegnandolo ai negozi incaricati, piuttosto che in centri appositi. Nel luglio passato, è stata varata anche in Italia la direttiva europea Raee (Rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche) che impone ai negozianti, al momento del nuovo acquisto, di raccogliere dall'utente i vecchi prodotti venduti.

Da qui l'idea solidale di affiancare la solidarietà al riciclaggio: "Cuore Phone" è la campagna che unisce i vecchi cellulari a Medici Senza frontiere, "Abbiamo tanti progetti appesi a un filo" è la campagna promossa dalla Magis, "Donaphone" invece è la stessa operazione di cui beneficia la Caritas.

 "Non buttare il tuo vecchio cellulare, spediscilo gratuitamente e aiuti Medici senza frontiere" questo è lo slogan della Cuore Phone, l'iniziativa per contribuire ai progetti di Medici Senza Frontiere, da sempre attiva a sostegno delle popolazioni in crisi. L'operazione da compiere è semplice: si prende il vecchio cellulare (o al massimo 3), si imbusta in un'apposita confezione fornita dall'ente organizzatore dell'iniziativa e si spedisce. Infatti il supporto logistico di Poste Italiane permette l'addebito dei costi di spedizione al ricevente se la spedizione viene fatta con l'apposita busta che può esser richiesta gratuitamente tramite il sito internet della campagna. L'azienda austriaca Adler, specializzata nella raccolta e nel riciclaggio/ricondizionamento di cartucce esauste per stampanti e di vecchi cellulari, nel rispetto delle normative europe raccoglie, ripara e vende telefoni cellulari usati dei privati e devolverà come contributo di solidarietà a Medici Senza Frontiere da un minimo di 0.50 centesimi a 3 euro, a seconda del modello. Con 3 euro si aiuta MsF a somministrare del cibo iperproteico per la riabilitazione di un bambino dopo una malattia infettiva.

 "Abbiamo tanti progetti appesi a un filo" è la campagna promossa della Ong dei gesuiti Magis, che organizza la raccolta dei cellulari usati, anche non funzionanti, su tutto il territorio nazionale. Lo scopo della campagna consiste nel convertire i vecchi apparecchi in risorse e sostenere così un progetto di cooperazione nel Ciad per la realizzazione di cento cucine solari utilizzate da trecento comunità. I cellulari donati vengono inviati ad una società specializzata di Londra, che smaltisce i telefonini garantendo la gestione delle componenti più inquinanti. I punti di raccolta sono a Roma, Palermo e Gallarate.

 Il progetto Donaphone è infatti finalizzato al recupero e al riciclaggio dei telefonini, ma i proventi dell'operazione saranno utilizzati per la realizzazione di progetti sociali nel Trentino Alto Adige, in Lombardia ed oggi anche nel Lazio.La raccolta dei telefoni permetterà anche di creare nuovi posti di lavoro per i soggetti più deboli, infatti il progetto Donaphone ad esempio in Lombardia è sostenuto dalla cooperativa Vivi Solidale che si occupa del recupero lavorativo delle persone svantaggiate.

E' partita in tutto l'Alto Adige la raccolta dei cellulari usati, per ognuno di questi apparecchi, funzionante o meno, la Caritas riceverà 3 euro da una ditta no-profit (ARGE - Reparatur- und Servicezentrum) che aggiusta e rivende gli aggiustabili e smaltisce correttamente il resto, recuperando oro, platino, rame e altri metalli. I punti di raccolta nelle diverse regioni sono oltre che nelle sedi Caritas, nei supermercati che aderiscono all'iniziativa.

Fonti: Campagna Cuore Phone, Medici Senza Frontiere, Magis, Caritas Bz


Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.