Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori

Il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori (CDCNPA) presente all’edizione 2013 di Ecomondo (padiglione B3 – Stand n°44), presenta i 3.000 punti di raccolta sul territorio nazionale.
 
L’Italia vanta la leadership mondiale nella raccolta, nel trattamento e nel riciclo di accumulatori per veicoli e industriali: oltre 65.000 tonnellate di accumulatori industriali e 187.000 tonnellate di accumulatori per veicoli immesse sul mercato, superando abbondantemente l’obiettivo minimo di riciclaggio richiesto dalla normativa UE.
Gli obiettivi da raggiungere sono il 45% entro il settembre 2016, rispettando le seguenti efficienze minime: il 65% per quelle al piombo, il 75% per quelle al nichel-cadmio e il 50% per tutte le altre.
Per consentire al sistema nazionale di conquistare simili traguardi, la normativa ha attribuito la responsabilità della gestione delle pile e degli accumulatori esausti alle aziende produttrici e ha disciplinato l’intera filiera, dall’immissione sul mercato di tali prodotti allo smaltimento dei relativi rifiuti, attraverso l’introduzione di un sistema multi-consortile. I produttori di pile e accumulatori possono, quindi, associarsi ad un Sistema Collettivo, che svolga per loro conto la raccolta, il trattamento e lo smaltimento, oppure, in alternativa, possono gestire tali processi direttamente in proprio (Sistema Individuale).
Oggi, i due terzi dei Punti di Raccolta del CDCNPA si trovano in Regioni del Centro Nord mentre i restanti sono suddivisi in modo uguale tra Centro e Sud Italia. La regione dove sono presenti più Punti di Raccolta è la Lombardia, con quasi 700 punti, seguita dal Veneto (oltre 350) ed Emilia Romagna (oltre 320).
Giulio Rentocchini, Presidente del CDCNPA dice: “Partecipare a Ecomondo rappresenta, per chi come noi è costantemente impegnato per la sostenibilità ambientale, una preziosa occasione di confronto e dialogo con i più importanti interlocutori di riferimento. Siamo particolarmente soddisfatti di prendere parte a questa iniziativa, per il secondo anno consecutivo, con la forza di una rete di raccolta che conta oltre 3.000 Punti di Raccolta su tutto il territorio nazionale, registrando un incremento del 50% rispetto allo scorso anno. Questo ci permette di garantire un servizio sempre più efficiente in termini di gestione corretta, senza sprechi di risorse ed energia, di questa speciale tipologia di rifiuti all'interno della filiera del riciclo. A conferma dell’attenzione per l'ambiente e l'efficienza energetica, da quest'anno il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori è uno dei componenti del Consiglio Nazionale della Green Economy, adesione della quale siamo davvero orgogliosi”.
Importante novità di quest'anno è l'adesione del CDCNPA al Consiglio Nazionale della Green Economy, con il ‘Pacchetto di misure per un Green New Deal per l'Italia’. Il documento è un decalogo di priorità selezionate partendo dalla Roadmap per la Green Economy in Italia allo scopo di mettere in atto un piano strategico di sviluppo per permettere al nostro Paese di superare la crisi economica, ecologica e occupazionale.
 
Fonte: cdcnpa.it; alternativasostenibile.it
 
 

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter