OGM: Tolleranza 0,9%

Sembra quasi finita, o comunque è seriamente compromessa, l'equazione biologico = sano. Possiamo affermarlo, dal momento in cui il Consiglio Agricoltura dell'Unione Europea ha approvato un nuovo regolamento sugli alimenti biologici che potranno essere avvelenati con l'introduzione di una soglia di tolleranza Ogm dello 0,9%.

I prodotti maggiormente coinvolti, saranno: riso, dolci, cereali, marmellate e snack, tutti derivati da mais e soia provenienti dai mercati extraeuropei.
A nulla è servita l'opposizione del Ministro delle Politiche Agricole Italiano Paolo De Castro, che con i colleghi di Belgio, Grecia e Ungheria ha votato contro questo regolamento, trovandosi però in minoranza. Hanno avuto il loro effetto, invece, le pressioni messe in atto da produttori e distributori del Nord Europa (con in testa la Germania), che chiedevano un nuovo valore per il timore dei severi controlli indispensabili per mantenere il limite minimo attuale dello 0,1%, con il conseguente aumento dei costi di produzione.
Molta delusione in Italia, primo paese in Europa per produzioni biologiche e tipiche. Legambiente, con il suo Presidente Della Seta, parla di grave decisione ed esorta il governo italiano a sostenere le aziende che hanno intrapreso la strada della produzione secondo i criteri del biologico e  a difendere, con una legge nazionale, uno dei settori trainanti dell'agricoltura del nostro paese.
Secondo il Ministro dell'Ambiente Pecoraio Scanio, questo nuovo regolamento danneggia sia i produttori che i diritti dei consumatori, e a tal proposito aggiunge che il Governo e il Parlamento italiano dovranno studiare le contromisure per dare garanzie a queste due categorie.

Fonte: Ansa, Repubblica


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter