Presentato a Cannes Edison Green Movie, la rivoluzione verde nel cinema

Presentato in anteprima al Festival di Cannes da due testimonial d'eccezione, Isabella Ferrari e il regista Alessandro D'Alatri, il progetto nato per per ridurre del 20% le emissioni inquinanti nel corso della realizzazione di un film, percorre il carpet tingendolo di verde.
 
Il progetto è stato elaborato dall’azienda in collaborazione con la casa cinematografica Tempesta (che ne ha concepito l’idea) e la consulenza scientifica di AzzeroCO2 ed è specificatamentedestinato alle case di produzione intenzionate a tenere sotto controllo il proprio peso ambientale.
Le cifre sono significative: soltanto in Italia l'industria cinematografica produce circa 5.600 tonnellate di Co2 all'anno per i consumi di energia e i trasporti dei set, a cui si aggiungono l'uso dei materiali e la gestione dei rifiuti, il protocollo Edison Green Movie, che si pone come l'unico marchio di certificazione esistente a livello europeo, può ridurre del 20% le emissioni inquinanti dovute alla realizzazione di un film.
Presentato in anteprima al Festival di Cannes da due testimonial d'eccezione, Isabella Ferrari e il regista Alessandro D'Alatri, a fianco di Andrea Prandi (Direttore relazioni esterne e comunicazione Edison) e Carlo Cresto-Dina (fondatore di Tempesta), ha fatto parlare di sè anche grazie ai suoi testimonial: "Edison Green Movie è un'iniziativa molto interessante che indica a noi operatori che cosa bisogna fare concretamente'' dichiara Alessandro D'Alatri che aggiunge: ''Il mio personale impegno è di cercare di sperimentare le regole Edison Green Movie appena ce ne sarà l'occasione augurandomi che molti altri facciano altrettanto". Per Isabella Ferrari ''è ora che anche il cinema faccia la sua parte per contribuire alla salute del nostro pianeta. Mi piacerebbe essere una delle prime attrici a girare un film Edison Green Movie''.
Le case di produzione che sceglieranno di adottare il protocollo verranno assistite da Tempesta, con il supporto di Edison, nelle fasi di preparazione del film e durante le riprese sul set. L'obiettivo è quello di produrre un film sostenibile a 360 gradi.

Fonti: AdnKronos, Rinnovabili, Tempesta film


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter