Quando una mela al giorno toglieva il medico di torno...

Da sempre la mela è considerata un elemento importante per una buona alimentazione.
Purtroppo riuscire a mangiare frutta sana richiede attenzione, come dimostra il rapporto "Pesticidi nel piatto" presentato nei giorni scorsi da Legambiente.

Alcuni studiosi sottolineano che consumare con regolarità mele aiuta a combattere l'invecchiamento precoce, rinforza le difese immunitarie, aiuta il transito intestinale, tiene basso il colesterolo e limita i danni alle cellule (grazie agli antiossidanti).
Purtroppo riuscire a mangiare frutta sana richiede attenzione, come dimostra il rapporto presentato nei giorni scorsi da Legambiente da cui emerge  che la frutta, la verdura e i loro derivati che consumiamo abitualmente sono "malati", in quanto contengono residui di inquinanti.
Il dossier, chiamato "Pesticidi nel piatto", relativo ai dati del  2006 forniti dai laboratori pubblici provinciali e regionali, ci indica ad esempio che solo la metà dei campioni di frutta (54%) è esente da residui di pesticidi. Le mele risultano essere tra i frutti più trattati: il 30% presenta più di un principio attivo, il 3,6% risulta irregolare e solo il 39% non ha traccia di pesticidi.
L'alternativa è quella di acquistare prodotti provenienti da agricoltura biologica, metodo di coltivazione che riduce drasticamente fertilizzanti, pesticidi e additivi chimici, rispettando l'ambiente con produzioni non inquinanti 
Insomma... una Biomela al giorno toglie i pesticidi di torno!

Fonte: Ansa, Legambiente


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter