Quanto Basta. Festival dell'economia ecologica

Torna per il terzo anno consecutivo, l'appuntamento con Quanto Basta Festival dell’economia ecologica che da martedì 5 a sabato 9 giugno sceglie Piombino per riflettere sui cambiamenti, sulle prospettive e sullo stato di salute dell'universo sostenibile nel nostro Paese.

 
La kermesse, realizzata da Sicrea e promossa da Regione Toscana, Provincia di Livorno e Comune di Piombino con il contributo della Camera di Commercio di Livorno, invita alla riflessione e offre numerosi spunti per l'approfondimento di temi che sempre più riguardano da vicino cittadini e istituzioni.
Cos'è Quanto Basta. Radicare la riflessione sull'economia e sulla sostenibilità del territorio è la base culturale su cui si articola la terza edizione del festival. In diversi luoghi della città di Piombino prendono vita incontri e dibattiti sull'economia, la comunicazione e lo sviluppo sostenibile, chiamando a dire la loro personalità del calibro di Salvatore Settis, Nadia Urbinati e Marc Augè, oltre a lasciare spazio a iniziative destinate a bambini e progetti su misura di giovani ricercatori. “Economia e ambiente: mai l'uno senza l'altro, mai l'uno contro l'altro, perché l'economia puo' essere sostenibile mentre con l'ecologia si puo' creare reddito in una dimensione di giustizia sociale, anche come dono alle generazioni future, a chi verrà dopo di noi, al loro diritto di vivere in un mondo ancora umano”, ha commentato la vicepresidente della Regione Toscana, Stella Targetti. “Anche quest'anno il festival porterà nel nostro territorio protagonisti di rilievo della politica, dell’economia e della vita culturale ・ ha detto il sindaco di Piombino, Gianni Anselmi -, dimostrando come Piombino e la costa toscana rappresentino luoghi ideali in cui discutere di questi temi e dove mettere in campo esperienze di innovazione concreta”. “Le riflessioni e gli approfondimenti in programma ・ ha aggiunto Anselmi - aiuteranno anche a focalizzare alcune importanti questioni locali, intrecciandole con realtà e contesti più ampi”. “E’ proprio in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo - ha commentato il presidente di Legambiente Toscana, Fausto Ferruzza - che vanno affinate le misure per declinare lo sviluppo sostenibile e l’economia ecologica”.
Il programma
Tra gli ospiti, oltre allo storico dell'arte Salvatore Settis, alla politologa Nadia Urbinati e al sociologo e teorico dei non-luoghi Marc Augè, che terranno ciascuno una lezione magistrale, ci saranno anche il professore di politica agraria dell'Università di Bologna Andrea Segrè e il sociologo Aldo Bonomi, l'ex segretario della Cgil Guglielmo Epifani (intervistato dal giornalista Luca Telese) e il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, oltre al direttore scientifico di WWF Italia Gianfranco Bologna e all'ingegnere agronomo ed ecologo Pierre Donadieu, solo per citarne alcuni. Ma Quanto Basta è anche uno sguardo sul mondo dei giovani ricercatori, ai quali è dedicato “Call for Papers: Sviluppo, Territorio, Democrazia, Sostenibilità: la parola ai giovani”, l'iniziativa che si svolgerà la mattina del 5 giugno, pensata e realizzata da Quanto Basta in collaborazione con la Scuola Superiore Sant’Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento di Pisa e con l’Istituto Nazionale di Urbanistica di Roma. Una sorta di “speaker's corner” scientifico durante il quale ricercatori, dottorandi e post doc avranno la possibilità di esporre i loro lavori sul tema dell'economia e della sostenibilità.
Momenti di svago
Spazio anche allo svago, con una serie di appuntamenti collaterali, spalmati nelle cinque giornate di festival. Dalle degustazioni di vini locali, a cura delle aziende vinicole del Comune di Piombino, alla musica di Bobo Rondelli, che si esibirà mercoledì 6, fino allo Stabat Mater (il 7 giugno) interpretato per l'occasione dal soprano Giuliana Mettini e a “Codamozza il gatto”, spettacolo curato da Habanera teatro. A partire da mercoledì e per le due serate successive, il centro di Piombino si trasformerà in una sala cinematografica all'aperto per accogliere la mini-rassegna a tema, dedicata a tre pellicole, firmate rispettivamente da Francesco Rosi, Charles Ferguson e Riccardo Milani, una per ogni sera. Ma ci saranno anche momenti dedicati all'arte, come “Spuren”, - mostra fotografica curata da Francesco Sonetti e realizzata in collaborazione con Social photo fest di Piombino ・ o come le installazioni sparse per la città e promosse dal Premio base per l'arte contemporanea o ancora, il progetto “Ombre”, realizzato da Eraldo Ridi in collaborazione con i detenuti dell'Opg di Montelupo fiorentino.
Per i più piccoli
Anche i bambini saranno protagonisti del festival, con iniziative che andranno dalla gimkana con gokart elettrico alla “merenda solare” fino ai laboratori di panificazione e al gioco del domino applicato alla raccolta differenziata. Un cenno a parte lo merita il concorso Segnali diversi (frutto di una collaborazione tra Quanto Basta® e Social Photo fest) che premierà le rielaborazioni più creative delle facciata della chiesa di Sant'Antimo, realizzate su carta con le tecniche più disparate dai ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori. In occasione della premiazione, il 5 giugno, i lavori verranno proiettati sulla facciata di Sant'Antimo.
 
Programma completo su: www.quantobastafestival.com
Fonte: Comunicato stampa

Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.