Conto energia - incentivi del Comune di Torino

La Città di Torino ha deciso di incentivare l'utilizzo di energie alternative, attivando un servizio di assistenza gratuita, per gli impianti fotovoltaici in esercizio dal 30 settembre 2005.

La Città di Torino ha deciso di incentivare l'utilizzo di energie alternative contribuendo all'aumento della loro rilevanza sul totale della produzione nazionale.L'Agenzia Energia e Ambiente di Torino, in accordo con la Città di Torino, ha attivato un servizio di assistenza gratuita per quanti vogliono fare richiesta di accesso ai benefici previsti dal Decreto Ministeriale 28 luglio 2005.In proposito, l'assessore Dario Ortolano ha dichiarato che tale iniziativa rappresenta "un passo nella direzione dell'affermazione delle energie alternative nel nostro Paese e della riduzione della sudditanza dal petrolio, fornendo nel contempo un importante contributo al miglioramento della qualità dell'aria".
Gli incentivi verranno concessi in conto energia (e non in conto capitale), arriveranno cioè con l'energia prodotta che sarà venduta alla rete elettrica a tariffe maggiorate. A ciò si aggiunga che praticamente chi installerà a sue spese un impianto fotovoltaico, oltre a vendere a tariffa triplicata l'energia, conseguirà consistenti risparmi in bolletta.
Gli impianti fotovoltaici che potranno essere realizzati sono stati suddivisi in tre differenti classi di potenza alle quali verranno riconosciute, per venti anni, le tariffe incentivanti riportate nella seguente tabella:

Impianto FV

 Potenza in kW

Tariffe € / kWh 

 Classe 1

1 < P < 20

 0,445

 Classe 2

20 < P < 50

 0,460

 Classe 3

     50 < P < 1000 

  0,490 

Per la classe 1 il contributo per l'energia prodotta viene scalato dalla bolletta, da 20 a 50kw  i contributi vengono corrisposti direttamente al produttore, in contanti. Possono accedere alle tariffe incentivanti, esclusivamente gli impianti fotovoltaici che entrino in esercizio dopo il 30 settembre 2005.I beneficiari possono essere persone fisiche e giuridiche, inclusi i soggetti pubblici e i condomini di edifici, che:

  • siano proprietari degli immobili destinati alla installazione dell'impianto fotovoltaico o in possesso dell'autorizzazione scritta del proprietario ad installare l'impianto;
  • siano responsabili dei medesimi impianti, progettati, realizzati ed eserciti in conformità alle disposizioni del DM 28 luglio 2005;
  • presentino al gestore di rete locale richiesta di scambio sul posto dell'elettricità (solo nel caso di impianti fotovoltaici di potenza non superiore ai 20 kW).

Alcuni esempi per cui è conveniente e possibile richiedere gli incentivi: palazzine con più di dieci appartamenti, esercizi pubblici, alberghi, piccole imprese.I vantaggi possono riassumersi in:

  • assenza di qualsiasi tipo di emissione inquinante; 
  •  risparmio di combustibili fossili; 
  •  affidabilità degli impianti poiché non esistono parti in movimento; 
  •  costi di esercizio e manutenzione ridotti al minimo.

Per l'assistenza è disponibile il Numero Verde di Informambiente (Comune di Torino) 800.018235, con orario 9-12,30 e 13,30-16 dal lunedì al giovedì, 9-13 il venerdì.Fonti: Comune di Torino, GRTN


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter