Risparmio energetico 1: gli elettrodomestici

Come si può fare per ridurre i costi e diminuire i consumi di luce e gas, permettendoci di risparmiare energia a livello collettivo e denaro al nostro portafoglio, limitando i danni all’ambiente? Alcuni consigli pratici sull’utilizzo degli elettrodomestici.

Come si può fare per ridurre i costi e diminuire i consumi di energia, permettendoci di risparmiare potenza a livello collettivo e denaro al nostro portafoglio, limitando i danni all’ambiente? La risposta è gia nelle nostre case e non implica nessuna rinuncia in termini di comfort e qualità, basta cambiare modo di pensare.
Adottando comportamenti responsabili di risparmio energetico e ricercando l’efficienza energetica, possiamo vedere realizzarsi tutto ciò, iniziando dagli elettrodomestici.

Un valido strumento al momento dell’acquisto, per orientarsi tra la miriade di prodotti e marchi di fabbrica è la possibilità di valutare le caratteristiche energetiche ed ecologiche dei prodotti attraverso le etichette energetiche e i marchi di qualità. L’etichetta europea riporta la classe d’efficienza energetica del prodotto e i consumi standard. Esistono 7 classi di efficienza, dalla classe più efficiente la “A” la più efficiente, alla meno la “G”.

Alcuni piccoli e semplici accorgimenti quotidiani invece, se l’elettrodomestico è già stato acquistato, permettono di risparmiare sui conti delle bollette e sul consumo dai 200 ai 400 Kwh. Vediamo nel dettaglio alcuni consigli pratici:

Scaldabagno: inserendo un timer potrete evitare che lo scaldabagno funzioni quando non serve, oppure regolate il termostato sui 40°C d’estate e 60°C d’inverno. Abbassando la temperatura del boiler da 80 °C a 60 °C ridurrete il consumo di elettricità di ca. 1400 kWh.
Risparmio: > 50 €
Forno: usatelo alla giusta temperatura, evitate la funzione grill, non apritelo frequentemente durante la cottura. Inoltre i forni a microonde consumano circa la metà dei forni elettrici tradizionali
Condizionatori: non regolate il termostato al massimo, ma in modo da ottenere una differenza di temperatura tra l'esterno e l'interno di non più di 5° C. Fate uso di altri mezzi per evitare di surriscaldare gli ambienti in estate: arieggiare i locali durante la notte e limitare l'accesso di aria esterna calda durante le ore pomeridiane
Risparmio: >80.00 € se si usa un condizionatore classe A++
Lavastoviglie: fate a meno del prelavaggio con acqua calda e utilizzate il programma risparmio solo quando l'elettrodomestico è completamente carico, risparmierete così ca. 770 kWh di elettricità e 10 000 litri d'acqua.
Risparmio: >60.00 €
Frigo e congelatore: impostate la temperatura del frigorifero a 5-7 °C, in questo modo il consumo diminuisce di ca. 200 kWh. Collocate il congelatore in un ambiente non riscaldato e impostate la temperatura a -18 °C. Si risparmieranno così in media ca. 270 kWh di elettricità.
Risparmio: >36.00 €
Lavatrice: caricate completamente la lavatrice, lavate a 60 anziché a 95 °C e 40 anziché 60 °C e, in caso di biancheria normalmente sporca, rinunciare al prelavaggio. Si ridurrà così il consumo di elettricità di ca. 200 kWh e si risparmieranno 5000 litri d'acqua e 16 kg di detergente. Senza asciugatrice il consumo d'acqua si ridurrà di ca. 400 kWh in meno.
Risparmio: > 36.00 €
Cucine: durante la cottura dei cibi coprite pentole e padelle con il coperchio; in caso di lunghi tempi di cottura, usate la pentola a pressione; spegnete la piastra elettrica e il forno un po' prima della fine cottura, allo scopo di sfruttare il calore residuo.
Risparmio: >22.00 €
Apparecchiature elettroniche: evitate di tenere televisori, apparecchi video e stereo in stand-by. Si limiterà così il consumo di elettricità di ca. 350 kWh; abilitate la modalità "risparmio" sui computer ove è consentito; non dimenticate di spegnere il computer/stampante la sera e, se è possibile, disinserite la spina (i trasformatori possono continuare a consumare elettricità anche a computer spento).
Risparmio: >33 – 55 €

Fonti: Agenzia Energia e Ambiente di Torino; WWF Svizzera; Enea, Federconsumatori


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter