Risparmio energetico 2: ambiente domestico

E' l'ambiente domestico quello in cui maggiormente vengono svolte la azioni di vita quotidiana, utilizzando buona parte dell'energia prodotta. Scelte rispettose dell'ambiente sono possibili a livello personale, ad esempio dare il proprio contributo alla riduzione di emissione di CO2 nell'atmosfera e non sprecare un bene essenziale come l'acqua.

Il risparmio energetico non è solo una questione di strategie economico-politiche o di scelta dei prodotti, ma investe anche aspetti comportamentali del nostro vivere domestico.
E' l'ambiente domestico infatti quello in cui maggiormente vengono svolte la azioni di vita quotidiana di ciascuno, utilizzando buona parte dell'energia prodotta. Pensiamo solamente a come il consumo energetico in bagno deriva dal riscaldamento e da quanta acqua usiamo per lavarci le mani e per l'igiene personale. Meno dell'1% è la quantità di acqua potabile accessibile all'uomo e più di due miliardi di persone non sono in grado di fruire adeguatamente dell'acqua potabile, neanche per bere. Questo è un monito ad usare bene questa risorsa che non è inesauribile e quindi non va sprecata.
Altre scelte rispettose dell'ambiente sono possibili a livello personale ad esempio si può dare il proprio contributo alla riduzione di emissione di CO2 nell'atmosfera, utilizzando  più sagacemente ed efficientemente l'energia della rete. Lo stesso vale se pensiamo ad un diverso utilizzo e impiego di materiali isolanti o all'illuminazione della casa.

Acqua
Per ridurre le spese legate all'acqua calda per usi sanitari ci sono due possibilità: la prima è quella di ottimizzare l'impianto esistente, la seconda è quella di utilizzare un sistema alternativo di  riscaldamento come un collettore solare. L'ottimizzazione prevede di:

  • non lasciare inutilmente aperti i rubinetti, e moderare il flusso durante l'utilizzo (in questo modo si può ridurre anche fino al 50% dei consumi); 
  • controllare che non ci siano perdite dai tubi, vaschette e rubinetti;
  • lavarsi le mani con acqua fredda e preferite la doccia al bagno, poiché consuma molta meno acqua (45 litri rispetto ai 120 litri);
  • installare scarichi per il water che prevedano di modulare la quantità d'acqua;
  • utilizzare l'acqua piovana per irrigare il giardino; 
  • utilizzare il meno possibile le acque in bottiglia, poiché le acque dell'acquedotto sono pure, controllate e buone da bere;
  • installare un dispositivo di risparmio idrico o un limitatore di pressione su rubinetti e doccia, risparmierete così ca. 700 kWh di elettricità e quasi 25000 litri d'acqua.

Ambiente domestico
Attualmente esistono in commercio alcuni tipi di vetri che, applicati alle finestre di un'abitazione, comportano una diminuzione delle spese energetiche.
Gli accorgimenti per risparmiare:

  • porte e finestre: isolate porte e finestre con guarnizioni a profilo concavo in strisce, è inoltre consigliabile dotarsi di finestre con doppia lastra di vetro ad alte prestazioni per i climi freddi, per i climi caldi sono preferibili vetri spettralmente selettivi;
  • vernici: isolate termicamente la caldaia o lo scaldabagno, per esempio anche solo con vernici isolanti;
  • illuminazione: sostiture le lampadine alogene e a incandescenza con i modelli a risparmio energetico, il consumo di elettricità si riduce di ca. 200 kWh, quando si abbandona una stanza spegnere sempre la luce. Il lampadario centrale per l'illuminazione generale delle stanze non è una soluzione vantaggiosa in termini  energetici, soprattutto quando questo è provvisto di molte luci: una lampada ad incandescenza da 100 watt fornisce la stessa illuminazione di 6 lampadine da 25 watt, ma queste ultime consumano il 50 per cento in più di energia elettrica.

Fonti: Agenzia Energia e Ambiente di Torino; WWF Svizzera; Enea, Federconsumatori

Approfondimenti


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter