San Rossore capitale dell'energia

Per quanto tempo ancora potremo estrarre petrolio? Si prova a rispondere nella tenuta di San Rossore alle porte di Pisa tra il 18 e il 21 luglio 2006, attraverso la "V Conferenza sull'Esaurimento del Petrolio e del Gas" ed il "Meeting di San Rossore: Energia: il problema, le soluzioni''.

Il tradizionale appuntamento annuale di San Rossore (PI) giunto alla sesta edizione sui temi della globalizzazione organizzato dalla Regione Toscana, quest'anno è dedicato all'energia: ''Energia: il problema, le soluzioni''.
Per quanto tempo ancora potremo estrarre petrolio? E' la domanda che in questi giorni e nei prossimi vede impegnati geologi, economisti ed esperti internazionali, nella tenuta alle porte di Pisa (vedi i comunicati aggiornati). Oggi e domani si daranno appuntamento per discutere di energia, delle prospettive, di consumi e produzione, di progetti e applicazioni sul territorio e di politiche energetiche, tra gli altri Jeremy Rifkin, presidente della Foundation for Enonomic Trends di Washington, e Stefan Edman, segretario generale della Commissione sull'indipendenza dal petrolio, ci sarà anche il Ministro dell'ambiente Alfonso Pecoraro Scanio.
Non mancherà il confronto, anche e soprattutto con opinioni decisamente diverse, così come è nello spirito di un appuntamento come il Meeting di San Rossore. E' questo il messaggio che il presidente della Regione Toscana Claudio Martini lancia a Beppe Grillo. Un messaggio che, senza intenti polemici, fa seguito alle critiche contro i termovalorizzatori espresse con forza dall'artista. Proprio un dibattito tra Martini e Beppe Grillo dovrebbe concludere la giornata odierna.
Il meeting che si tiene nelle giornate del 20 e 21 luglio 2006 vedrà nella mattinata della seconda giornata interventi di Adriano Sofri sugli aspetti culturali legati alle soluzioni possibili e agli interventi reali inerenti le questioni energetiche e di Osman Benchikh responsabile energie rinnovabili Unesco. Il pomeriggio sarà invece dedicato ad un confronto sulle politiche energetiche con interventi del Presidente Aspo Italia Ugo Bardi sul picco del petrolio e di alcuni responsabili di progetti locali.

Proprio l'Aspo Italia, sempre a San Rossore nelle giornate del 18 e 19 luglio 2006 ha promosso la V Conferenza sull'Esaurimento del Petrolio e del Gas. Il convegno ha visto prendere parte esperti da tutto il mondo in merito alla consistenza delle riserve di petrolio, gas e materie prime e alla valutazione sulle dinamiche di estrazione, nonché sulle conseguenze economiche, sociali e politiche del progressivo esaurimento. Fra gli oratori, Colin Campbell (presidente di ASPO-Internazionale), Dennis Meadows (uno degli autori del rapporto al Club di Roma "I Limiti dello Sviluppo" del 1972), Robert Hirsch (Dipartimento dell'Energia, noto per i suoi studi sulla mitigazione degli effetti del picco del petrolio), Richard Heimberg ("Powerdown" e "La Festa è Finita") e molti altri.
Tematica quanto mai attuale in quanto il picco di Hubbert che teorizza un andamento a campana nell'estrazione di petrolio individuando un momento in cui l'estrazione di petrolio raggiungerà il suo valore massimo per poi subire una picchiata esponenziale, non sembra così distante nel tempo.
Facilmente intuibili, anche se non si è esperti di macroeconomia le conseguenze, i prezzi aumenteranno, provocando recessione, impoverimento della società, guerre per le risorse, conflitti globali, dato che lo sviluppo economico dell'intera umanità è oggi prevalentemente basato sulla disponibilità di petrolio a basso costo. Diventa pertanto essenziale diffondere la consapevolezza del fatto che l'era dell'abbondanza di petrolio a basso costo sta volgendo al termine, e chiedere ai decisori politici a tutti i livelli di interessarsi al problema, predisponendo politiche di transizione all'uso di altre sorgenti di energia rinnovabili e stimolando al massimo la ricerca scientifica in campo energetico.

Fonti: ansa, Regione Toscana, Aspo


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter