Batteria al rabarbaro

Dopo aver acquistato il brevetto dalla prestigiosa Università di Harvard, la start-up italiana Green Energy Storage ha industrializzato la batteria al rabarbaro e sta per commercializzarle.

La batteria progettata è un prodotto  a basso costo e ridotto impatto ambientale che ha come primo vantaggio l’ottimizzazione dell’autoproduzione energetica di aziende e famiglie. E’ stata pensata, infatti, per l’efficienza e il risparmio energetico di abitazioni, edifici commerciali e imprese.
Come spiega Salvatore Pinto, ingegnere e  fondatore della start-up: “Sfruttiamo una molecola prodotta dalle piante durante la fotosintesi: il chinone. Facilmente estraibile dal rabarbaro e da altri vegetali offrendo opportunità ai territori attraverso, per esempio, l’estrazione dai residui del vino o da altre soluzioni”.
Tra i partner di questa impresa l’Università di Harvard, quella di Tor Vergata (Roma) e la Fondazione Bruno Kessler di Trento, ma anche un’altra azienda italiana la “Industrie De Nora”, che opera in 23 paesi con un fatturato di 600 milioni di euro. “Lo sviluppo di soluzioni economiche ed ecocompatibili di stoccaggio dell’energia – spiega il CEO dell’operatore milanese Gianfilippo Mancini – consentirà ai consumatori di immagazzinare la propria auto produzione rinnovabile e, grazie anche a software evoluti di dispacciamento e di controllo dei propri consumi, di rendersi autonomi dalla rete elettrica. Abbiamo perciò individuato in Energy Green Storage il partner ideale per sperimentare e sviluppare questo nuovo modello integrato”.
Ad oggi la batteria ha già ricevuto finanziamenti nazionali e internazionali importanti: un investimento di 2 milioni di euro della Commissione Europea, con il programma Horizon 2020, e altri 3 milioni di euro dalla Provincia Autonoma di Trento.
Ora il giudizio passa al mercato.

Fonte: greenews.info


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter