Decreto isole minori 100% rinnovabili

Trasformare le isole minori italiane in laboratori dove sperimentare soluzioni energetiche sostenibili e innovative, è il cuore del testo del nuovo decreto, pubblicato dal Ministero dello Sviluppo Economico, per le fonti rinnovabili nelle isole minori.

I tantissimi dossier pubblicati da Legambiente, dimostrano come si può essere al 100% rinnovabili anche nelle isole: le Canarie, le isole del mare del Nord o ancora la Polinesia, e le isole dell’Alaska lo dimostrano. Territori che sempre più diventano indipendenti dalle fonti fossili per l’approvvigionamento energetico. È questo l’obiettivo che si sono poste le comunità isolane italiane, tra queste: Capraia, Ponza, Giglio, Ventotene, Favignana, Levanzo, Marettimo, Pantelleria, Ustica, Lipari, Alicudi, Panarea, Vulcano, Lampedusa, Capri e tante altre ancora.
Il nuovo decreto prevede che per ciascuna delle isole indicate, siano stabiliti gli obiettivi minimi di sviluppo dell’utilizzo delle fonti rinnovabili da raggiungere entro il 31 dicembre 2020, sia sul fronte termico sia su quello energetico. Il decreto stabilisce inoltre che i gestori dei sistemi elettrici delle venti isole, entro il 31 dicembre 2017, presentino al Ministero dello Sviluppo Economico, all’Authority energetica e alle amministrazioni locali interessate un documento tecnico che definisca:
•    gli interventi di ammodernamento e rafforzamento della rete elettrica isolana, funzionali all’installazione di una potenza elettrica da fonti rinnovabili pari ad almeno tre volte i valori degli obiettivi indicati comprendenti anche sistemi di accumulo dell’energia elettrica;
•    le ipotesi di copertura dei costi di realizzazione del programma a valere su programmi di sostegno nazionali e regionali, anche cofinanziati dalla Commissione Europea.

Testo del decreto:
http://www.mise.gov.it/images/stories/normativa/decreto_ministeriale_14_febbraio_2017_energia_isole_minori.pdf


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter