Green Economy prioritaria per il 91% degli italiani

Ricerca ed energia: su quale futuro investire? A questa domanda hanno risposto chiaramente il 91% degli italiani interrogati dall’Ispo e presentato durante la cerimonia di Chiusura della XI edizione del Master Safe in Gestione delle Risorse Energetiche.

I risultati della ricerca presentata dal presidente di Ispo Renato Mannheimer sono estremamente chiari in materia di economia e fonti energetiche, se si pensa che 3 italiani interpellati su 4, indicano nella questione energetica il tema prioritario del paese.  La green economy è indicata come tema principe per  il 91% degli italiani, che la indicano come possibile tema di rilancio dell’economia. ''L'interesse verso questo tema e' in crescita rispetto al 2006: dato davvero impressionante considerando il periodo di crisi economica attraversato attualmente dall'Italia e dagli altri stati occidentali''. Lo studio spazia sul tema energetico e rileva che sul nucleare: ” ''dai dati si registra un certo calo dei consensi. Nonostante la maggioranza degli italiani le riconosca diversi pregi come la riduzione della dipendenza energetica da altri Paesi, la quota di sostenitori della produzione nazionale di questo tipo di energia si attesta al 38%''.
Un dato curioso è rappresentato dalle forme di greenwashing più o meno esplicite, riconosciute dal  43% del campione statistico che ritiene alcune forme di “green” false, sostenendo  che “sia solo un modo per fare soldi senza pensare realmente all'ambiente''.
Il rapporto prende in analisi anche le buone prassi, ovvero le azioni dei singoli rispetto ai contesti generali, ed è positivo notare come per l'89% degli italiani “ogni persona può contribuire con il proprio comportamento al risparmio energetico (solo 4 anni fa questo tipo di sensibilità era diffuso solo nel 66% del campione). “Gli accorgimenti piu' segnalati sono l'utilizzo di lampadine a risparmio energetico, la limitazione dei consumi di acqua calda e l'evitare di lasciare gli elettrodomestici in stand by.
E’ emersa inoltre una ''forte attenzione e fiducia alle fonti di energia rinnovabile, la cui conoscenza da parte degli italiani e' elevatissima (il 90% ne ha almeno sentito parlare). Ma non solo: esse sono ritenute anche piu' efficienti delle fonti tradizionali dal 39% del campione (i detrattori si fermano al 23%)''.

Fonte: Yahoo finanza

Oltre a informazioni sul<strong> rapporto Ricerca ed energia: su quale futuro investire?</strong> <strong> </strong>,  su Effetto Terra, puoi trovare informazioni e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.