Idrogeno per dare energia alle case

Viene presentata in questi giorni a Trento il prototipo nato dal progetto europeo EDEN che utilizza l’idrogeno come fonte di energia per case e luoghi pubblici. Il progetto scientifico EDEN (High Energy Density Mg-based Metal Hydries Storage System) ha carattere europeo e nella parte relativa allo stoccaggio di idrogeno in nuovi materiali e coordinato da un centro di ricerca italiano: la Fondazione Bruno Kessler (FBK) di Trento.
 
Grazie alle ricerche effettuate è stato possibile riuscire a immagazzinare l’idrogeno in un materiale allo stato solido, a base di magnesio, in grado di catturare e trattenere gli atomi di gas sulla propria superficie. In questo modo non è necessario tenere l’idrogeno in recipienti sotto pressione ed è possibile accrescere la sicurezza dello stoccaggio. In un contenitore dal volume di pochi litri si può avere un accumulo di idrogeno in grado di fornire l’energia necessaria ad un’abitazione per 24 ore, sia dal punto di vista elettrico che termico, e renderla disponibile a seconda delle esigenze dell’utente.
Come spiega Luigi Crema, coordinatore dell’Unità di ricerca Ares, “il prototipo realizzato con la tecnologia EDEN è composta da una pila a combustibile, che può essere alimentata da fonti rinnovabili come il sole e il vento, permettendo la produzione di idrogeno dall’acqua. Un serbatoio, contenente il materiale sviluppato nell’ambito del progetto, consente l’accumulo di idrogeno. Alcuni componenti completano il sistema, per il rilascio dell’idrogeno e al produzione di energia elettrica quando necessario all’utente”.
Il sistema è ora in fase di test presso la fondazione Bruno Kessler e verrà successivamente installato a Barcellona, presso un’area adibita a spazi pubblici e accoppiato con un impianto fotovoltaico. In questo modo, l’energia solare generata durante il giorno verrà accumulata nel sistema EDEN e riutilizzata la notte per illuminare l’area pubblica in una zona centrale di Barcellona.
 
Fonte: fbk.eu
 

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter