Un caricabatteria universale a risparmio energetico

L'agenzia dell'Onu per le telecomunicazioni, l'Itu, ha introdotto un nuovo standard nel campo della telefonia portatile che imporrà dal 2010 un unico caricabatteria per tutti i cellulari. Coniugando due aspetti fortemente ecologici: sarà a risparmio energetico ed eviterà di essere cestinato all'ennesimo cambio di telefono.

Era atteso per il 2012 invece l'agenzia Onu ha accorciato i tempi per la definitiva approvazione del nuovo standard tecnologico per la telefonia cellulare. Universal charging solution, è il nome della nuova frontiera energetica legata alla telefonia mobile e consisterà nell'introduzione di un unico caricabatteria per tutti i modelli di cellulari che saranno prodotti. Un caricabatteria universale, ad alto risparmio energetico, utile a contenere i costi sul telefono e capace di estendere il fine vita di un prodotto che il più delle volte coincide con la dismissione dell'apparecchio principale.

Il nuovo caricabatteria infatti,  secondo Gsm Association, l'associazione portavoce delle aziende operanti nel campo della telefonia mobile, eliminerà ogni anno la produzione di 51.000 tonnellate di caricabatterie e dimezzerà la quantità di energia consumata in standby: questo eviterà di immettere nell'atmosfera 13,6 milioni di tonnellate di gas serra all'anno. Nonché l'eccesso di rifiuti a fine utilizzo.
Il caricatore utilizzerà la  tecnologia micro usb, infatti assomiglierà a quello già in dotazione oggi alle fotocamere digitali, formato da un estremità da una normale presa per la corrente e dall'altra un ingresso micro usb  che s'infilerà nel cellulare. Tutti i nuovi modelli saranno quindi dotati di una fessura compatibile con il nuovo ingresso.
Il nuovo standard prevede altresì una maggiore efficienza energetica, quantificata intorno al triplo rispetto ai precedenti caricabatteria.
In questo modo forse, leggi di marketing escluse, i telefoni costeranno di meno, secondo la Commissione, infatti, i produttori trasferiscono sul prezzo del prodotto finale il costo del caricabatteria incluso nella confezione.
È possibile che ancora nel 2010 le confezioni continueranno a includere un caricatore, che però sarà universale e comunque sarà in vendita anche nei generici negozi di elettronica. Nel lungo periodo, il caricatore dovrebbe scomparire dalle confezioni, perché gli utenti potranno continuare a usare lo stesso per altri modelli.
Oltre a informazioni su il caricabatterie universale, su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su ambiente, risparmio energetico, energia,energie rinnovabili,eco gadgets  e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.