Settimana Europea dell'Energia

“L’energia intelligente nelle città” è il tema dell’edizione di quest’anno della “Settimana europea dell’energia sostenibile” - dal 23 al 26 marzo - organizzata in diverse città d’Europa collegate al Patto dei Sindaci. Tra gli eventi in programma, una conferenza a Bruxelles, pdella Commissione Europea, 23 - 25 marzo e la presentazione delm Premio europeo per l’Energia sostenibile.

A quest’ evento sono collegati al momento 114 giornate dell’ Energia, che includono una vasta gamma di attività: esibizioni, conferenze, eventi online, performance, visite guidate, giornate a porte aperte, campagne di sensibilizzazione. Insieme, indicano la via per il più ampio utilizzo dell’energia rinnovabile e per un uso più razionale dell’energia.
Il primo ottobre del 2008 iniziava la prima gara SalvaEnergia  tra vicini di casa a livello europeo (Energy Neightborhood Campaign): in otto diversi stati membri gruppi di 5-15 famiglie si sfidavano a risparmiare almeno l’8 % dei propri consumi energetici nell’arco di sei mesi. Nella fase di preparazione della gara le famiglie avevano avuto la possibilità di partecipare a incontri formativi dedicati al tema del risparmio energetico, e per tutti i sei mesi sarebbe stato a loro disposizione un vero e proprio Esperto Salvaenergia, formato dai coordinatori dei progetti: l’iniziativa infatti veniva promossa dall’Unione Europea e vedeva coinvolti diversi partner del settore, ad esempio in Italia l’Agenzia per l’Energia e il Risparmio Energetico di Modena. In palio i premi dei singoli comuni, dei kit per il risparmio energetico con tanto di lampadine a basso consumo e bollitori elettrici, e la possibilità di essere invitati e premiati alla cerimonia di chiusura a Bruxelles per i cinque gruppi migliori.
La settimana dell’energia sostenibile è lo specchio di riferimento per i risultati conseguiti annualmente tra i confini dell'UE, un’iniziativa della Commissione Europea lanciata nel 2005.  Nel 2009 la settimana ha coinvolto 149 iniziative, tra Bruxelles e resto d’Europa, con più di 30.000 partecipanti. Organizzata dall’Agenzia Esecutiva per l’Innovazione e la Competitività, per conto della DG della Commissione Europea Energia e Trasporti, prevede, attualmente per il 2010 un calendario con 114 eventi, ma è tuttora  possibile aderire all’iniziativa e scaricare il materiale per la comunicazione entro il 15 marzo contattando l’indirizzo assistant@sustenergy.org.
La sfida Salvaenergia è solo uno fra i tanti esempi di Giornate dell’energia sostenibile degli anni passati, ma le iniziative dei singoli cittadini possono essere le più diverse e fantasiose, come i concerti con consumazione, offerta a chi si presenta con un mezzo di trasporto sostenibile, bicicletta o monopattino che sia.
Nel corso degli anni l’Unione Europea ha messo tra le sue priorità la lotta ai cambiamenti climatici. In questo contesto le autorità locali assumoni un ruolo chiave, oltre la metà delle emissioni che causano l’effetto serra sono create nelle e dalle città. L’80% della popolazione mondiale vive e lavora in città, dove fino all’80 % dell’energia mondiale viene consumata. I governi locali devono quindi diventare attori principali nell’attuazione delle politiche di energia sostenibile, e va loro riconosciuto e supportato tale sforzo. Il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) è un’iniziativa della Commissione Europea, sviluppato in collaborazione al Comitato delle Regioni, e risponde all’esigenza di uno sforzo congiunto tra enti locali e regionali. Al momento fanno parte del patto dei sindaci oltre 400 città in tutta Europa.  Il Patto consegna alle città un ruolo primario nella lotta ai cambiamenti climatici. L’impegno formale delle città firmatarie viene tradotto in misure concrete e progetti. Le città accettano di rendere conto ed essere monitorate rispetto all’attuazione dei propri Piani d’Azione, accettando anche l’esclusione dal Patto dei Sindaci in caso di inadempienza. Si impegnano inoltre a stanziare sufficienti risorse umane ai diversi progetti, a mobilitare la società nelle rispettive aree geografiche a prendere parte alla realizzazione del piano d’azione, ad esempio con l’organizzazione di giornate dell’energia locali o in collaborazione ad altri Comuni.
Il Patto dei Sindaci è un' iniziativa che si svilupperà in collaborazione con il Comitato delle Regioni. Gli obiettivi che l'Europa si è data per ridurre le emissioni di gas serra possono essere realizzati solo attraverso lo sforzo congiunto e convinto degli enti locali e regionali. Il Patto non è fatto soltanto per le grandi città, ma si rivolge anche alle città minori e ai comuni più piccoli e li incoraggia a aderire all'iniziativa e a sottoscrivere l'impegno per l'ambiente. Dal canto suo, il Comitato delle Regioni sta studiando come creare una rete delle città e regioni che hanno firmato il Patto, in modo da diffondere tra loro le migliori pratiche ed esperienze. La Commissione Europea ha stabilito che le Province possono fornire, in qualità di strutture di supporto, indirizzi strategici e supporto tecnico e finanziario ai Comuni che, avendo dato un’adesione politica all’iniziativa, non sono tuttavia in possesso delle capacità tecniche e delle risorse finanziarie per raggiungere gli obiettivi fissati, tra cui la redazione dei piani d’azione. E’ di pochi giorni fa la notizia che la Provincia di Torino ha stanziato 100 mila euro per il Patto dei Sindaci, che dovrebbero essere utili alla realizzazione di cinque- dieci piani d’azione. Aspettiamo dunque di conoscere i particolari.

Approfondimenti e Fonti:

Oltre a informazioni <strong>sulla Settimana dell&#39;energia sostenibile, </strong>su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su energie rinnovabili, patto tra i sindaci, politiche comunitarie, energia, energie rinnovabili e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter