Turismo sostenibile: Italia cresce la voglia di vacanze green

Uno degli ultimi sondaggi d'opinione reso pubblico sul proprio sito dall'Ispo, fotografa una sempre maggiore sensibilità degli italiani per il turismo ecosostenibile. Solo per il 17% l'ecocompatibilità non è importante come fattore di scelta per una meta turistica.
 
Commissionata dal Comune di Carloforte, la ricerca ha focolizzato l'attenzione sull’importanza attribuita all’ecocompatibilità di una località turistica e la propensione a spendere di più per il turismo green. Sondando inoltre le località italiane che più delle altre devono essere ecosostenibili e, piùin generale, le opinioni della popolazione italiana al riguardo del turismo ecosostenibile.
L'istantanea che emerge dall'analisi dei dati è stata realizzata attraverso una ricerca quantitativa ad hoc tramite interviste telefoniche (sistema CATI) su un campione di 800 individui. Campione, di tipo casuale stratificato per quote, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne (con oltre 17 anni di età) per genere, età, professione, titolo di studio, area geografica di residenza in base all'ampiezza dei centri urbani di residenza.
Realizzata nel settembre scorso l'indagine ha evidenziato l'emergere di una nuova domanda turistica del paese, che sembra essere molto più attento ai temi legati all'ambiente e convinto della necessità di uno sviluppo sostenibile dell'economia, rispetto ai propri amministratori e decisori politici. A testimoniarlo le risposte al questionario.
Dalla scelta della meta per le proprie vacanze senza vincoli di budget, dove tra gli elementi ritenuti prioritari per gli intervistati, sono risultati prioritari: la pulizia del mare, il soggiornare in un luogo pulito e non inquinato, la presenza di natura incontaminata. Riguardo all'importanza dell'ecocompatibilità di una località, nella scelta delle proprie vacanze, la media tra i valori 1=per nulla e 10=moltissimo è risultata 6,9. Quesito al quale solo il 17% degli intervistati ha risposto che era un fattore poco importante nella programmazione della visita. Inoltre il 58% per essere sicuro di risiedere nel periodo prescelto in una località ecosostenibile, sarebbe disposto a spendere di più. Tra le caratteristiche più importanti che dovrebbe possedere un centro turistico per essere considerato eco compatibile, la maggioranza delle preferenze è andata alla presenza di un efficiente sistema di riciclaggio dei rifiuti e di sistemi di approvigionamento energetico derivati da fonti rinnovabili, nonchè alla la presenza di mezzi di trasporto pubblici ecologici. Il 73% del campione preferirebbe una località dichiaratamente non ecocompatibile ad una che sostiene di esserlo ma, nei fatti, non lo è, il 68 % rinuncererebbe a qualche comodità (TV in camera) per fare una vacanza ecosostenibile e per il 63% non basta che sia green la località, devono esserlo anche tutti gli eventi (concerti, mostre, spettacoli). Tra i tesori e gli ambienti italiani sono: mare, montagna, Sardegna, Sicilia, parchi, città d'arte, isole e spiagge quelli per cui è fondamentale che l'ecosostenibilità sia reale e non sulla carta.
 
Fonte: ISPO
 
 
<p>Oltre a informazioni su <em><strong>turismo ecosostenibile</strong></em> su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su turismo green, turismo ecocompatibile, turismo green, turismo green italia. Puoi iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter