Frode alimentare in Germania?

Lo stato della Bassa Sassonia, uno dei principali poli di produzione agricola della Germania, ha avviato un'inchiesta per accertare l'eventuale reato di frode nei confronti di 150 aziende che producono uova biologiche.
 
La notizia mette in stato d'allarme l'intera produzione alimentare della Comunità Europea, e segue di pochi giorni l'allarme lanciato dallo scandalo della carne equina. Ad essere sotto esame aziende agricole che distribuiscono i propri prodotti, uova, con il marchio biologico, mentre sembrerebbe che gli allevamenti siano caratterizati da sovraffollamento.
"Se le accuse fossero vere, allora dovremmo parlare di frode su grande scala, di un'enorme truffa a danno dei consumatori, ma anche nei confronti di agricoltori biologici che lavorano onestamente in tutta la Germania", la dichiarazione del Ministro dell'Agricoltura tedesco Ilse Aigner. Esortando allo stesso tempo i governi regionali ad assicurare e garantire il pieno rispetto  delle leggi nazionali ed europee, che disiplinano la produzione di alimenti biologici. L'allarme si è steso anche ad altri land, dove in almeno due sono in corso analoghe indagini su di una cinquantina di aziende.
 
Fonte: Reuters
 
 
<p>Oltre a informazioni su<strong><em> scandalo uova biologivhe germania, frode alimentare </em></strong>su Effetto Terra puoi trovare informazioni relative a scandalo carne equina, bassa sassonia uova biologiche ed iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter