Inceneritore di Torino: più di un guasto al mese

Nella tarda serata Del 12 marzo si è verificata un’anomalia alla linea 3, legata alla chiusura della valvola a battente (clapet) che regola l’entrata dei rifiuti nel forno di incenerimento, determinando un ingresso di aria nella caldaia e di conseguenza uno sforamento delle emissioni dei limiti giornalieri del monossido di carbonio (CO) e dell’ammoniaca (NH3).
 
L’inceneritore è attivo da undici mesi e siamo al dodicesimo guasto.
Qui il riassunto di tutti i guasti.
  1. Il 2 maggio blackout per infiltrazioni d’acqua.
  2. Il 10 e 11 luglio una valvola by-pass ha fatto si che i fumi nocivi non passassero attraverso i filtri.
  3. 10 agosto stop dell’impianto ma nessuno ha mai detto il perché.
  4. Il 12 agosto guasto alla pompa che porta l’acqua, necessaria per generare vapore durante la combustione, alla grande caldaia.
  5. Lunedì 16 settembre Blocco della linea due a causa del guasto di uno dei due bruciatori che consentono di raggiungere la temperatura minima richiesta per la combustione dei rifiuti.
  6. Sabato 5 ottobre la Linea 2 dell'impianto ha sforato i limiti stabiliti per alcuni parametri emissivi.
  7. Domenica 20 ottobre, si sono fermate la linea due a le linea tre. La prima si è bloccata per il difettoso funzionamento di una valvola che ha bloccato la caldaia, la seconda ha avuto una fuoriuscita eccessiva di ossidi di azoto per un problema con il sistema di abbattimento
  8. Sabato 23 novembre fermo della Linea 2 e 3 a causa di una perdita di vapore nel condotto ad alta pressione.
  9. Lunedì 23 dicembre fermo della linea 1 e 2 guasto alla caldaia.
  10. 10) Domenica 12 gennaio 2014 fermo delle linee 2 e 3, una per guasto alla caldaia ed una per guasto ai bruciatori ausiliari.
  11. Giovedì 13 febbraio 2014 trip di caldaia alla linea tre.
  12. 12 marzo anomalia legata alla chiusura della valvola a battente della linea 3.
Fonte: fabionews.info
 

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter