La scommessa della decrescita di Serge Latouche

Pubblichiamo la trascrizione dell'intervento di Serge Latouche nel seminario sulla decrescita organizzato giovedì 4 ottobre dalla commissione cultura della Camera dei deputati. A cura di Carta.org

Mi convinco sempre sempre di più che la sinistra abbia sottovalutato la forza del liberismo e la sua forza anche nella sinistra stessa. Soprattutto ha sottovalutato il fatto che il mito della crescita ha un posto centrale sia nel dispositivo del liberalismo che in quello del capitalismo. Su questo punto dobbiamo dire che purtroppo Marx si è sbagliato. Ha pensato che fosse possible, sostituire all'"accumulazione" cattiva del capitale [accumulazione è il nome marxista della crescita], quella buona di un altro sistema. Questo non è vero, l'accomulazione del capitale è sempre legata all'economia di mercato. Da questo punto di vista, i cosiddetti socialisti utopisti, come per esempio William Morris di "News from Nowhere", avevano capito meglio di Marx il carattere perverso della crescita, il fatto che essa sia legata al sistema termoindustriale, e quindi ai rapporti capitalistici. Oggi dobbiamo fare i conti con questa eredità.

Uno scienziato francese, Hubert Reeves, molti anni fa raccontava questa favola. Un giorno un vecchio pianeta nelle sue divagazioni incontra la Terra che non aveva visto da alcuni milioni di anni. Allora dice: "Come stai?". La Terra risponde: "Non mi sento molto bene, credo di avere una malattia mortale". "E come si chiama questa malattia?". "Si chiama umanità". "Ahh - conclude il vecchio pianeta -, anch'io l'avevo presa alcuni milioni di anni fa. Ma guarisce da sola, si autodistrugge".

E' vero che oggi sembra che l'umanità rischia di sparire. Abbiamo molti segnali che lo confermano quasi ogni giorno. Sappiamo che stiamo vivendo la sesta estinzione delle specie, la quinta è quella che ha avuto luogo 65 milioni di anni fa, quella che ha visto sparire i dinosauri. Solo che ci sono tre differenze tra la quinta e la sesta: questa è organizzata dall'uomo e procede a una velocità terrificante. Per fotruna la natura ha una vitalità straordinaria e una capacità di adattarsi soprendente, ma quando i cambiamenti sono così veloci è impossibile per la natura adattarsi.

Un'altra importante differenza è che anche l'umanità potrebbe essere la vittima di questa sesta estinzione. Lo sarà sicuramente se non facciamo niente.

La scommessa della decrescita è diversa. Non pensiamo che l'umanità sia una specie votata al suicidio, o che non ci sia speranza. Pensiamo infatti che il suicidio faccia parte dell'essenza della società della crescita, ma non di tutte le società umane. Che la nostra società, la società moderna, sia candidata al suicidio ma non l'umanità in quanto tale. La decrescita scommette che sia possibile salvare l'umanità, ma solo a condizione di uscire dal paradigma della modernità, della società della crescita.

Che cos'é quindi una società come la nostra? È una società che ha per unico fine la crescita senza limiti. È un'idea assurda per questa idea si deve consumare sempre di più, produrre ancora di più rifiuti e profitti. Per promuovere questa idea ci sono tre grandi strumenti: la pubblicità che ci invita sempre a consumare cose di cui non abbiamo veramente bisogno; l'obsolescenza programmata e il credito.

La scommessa della derescita è l'umanità possa fare una rivoluzione culturale, uscire dalla società di crescita, di deglobalizzarsi e ritrovare il locale, di uscire dal capitalismo e quindi dall'accomulazione illimitata, sotto l'impulso di due forze, una forza positiva e una forza negativa.

La forza positiva è l'aspirazione all'ideale che vivremmo meglio se vivessimo in un altro modo. Questa è la grande lezione del mio maestro Ivan Illich, che per quarant'anni ha predicato nel deserto. Invece di prendere come slogan, come fa il governo francese attuale, "lavorare di più per guadagnare di più" diceva "lavorare di meno per vivere meglio". Di sicuro lavorando meno si produrrebbe meno o si distruggerebbe meno il pianeta e avremmo più tempo per godere della vita, per ritrovare il senso della vita. Forse meno ricchezze in termini di prodotto interno lordo ma più richezze in termini di vita, di ricerca del piacere e della felicità. E consumare meglio è possible.

Il grande, uno dei grandi precursori della decrescita, che recentemente è morto in Francia, l'amico André Gorz, negli anni '70 e '80 aveva descritto degli scenari per dimostrare come era possibile allo stesso tempo ridurre il tempo di lavoro, diminuire la disoccupazione e aumentare la felicità.

Oggi siamo tossicodipendenti di consumismo. Lo siamo tutti. E allora dobbiamo intraprendere una terapia, dobbiamo liberarci da questa dipendenza, ma non è facile. Naturalmente l'aspirazione a un'ideale, a un mondo più giusto, a un mondo più sostenibile ha un ruolo importante ma non basterà. Questo è il motore positivo. Il motore negativo invece è la pedagogia delle catastrofi. È per questo che paradossalmente sono molto ottimista, perché sono certo che ci saranno catastrofi.

Il progetto di costruire una società della decrescita dunque è un'utopia, un'utopia nel senso concreto e positivo della parola che è un altro mondo possibile. Ho proposto di realizzare questo progetto attraverso uno schema delle otto "R": Rivalutare, Riconcettualizzare, Ristrutturare, Ridistribuire, Rilocalizzare, Ridurre, Riutilizzare, Riciclare. Ogni volta che faccio una conferenza c'é qualcuno nella sala che mi dice: "Lei ha dimenticato una R molto importante, si deve anche reinventare la democrazia". Un altro mi dice: "Si deve ri-cittadinare". Il concorso è aperto, si possono aggiungere molte altre R.

Questa proposta non é un programma politico perché non sono un politico, sono uno scienziato, un intellettuale, non è il mio lavoro fare un programma politico. Ma è un progetto politico, l'utopia di una società autonoma. Il progetto della decrescita non è nuovo, la cosa nuova è che la parola decrescita parla all'immagnario. Questo 'de' crea un colpo, come è possibile rimettere in questione il fondamento della nostra società, di tutto il nostro mondo. E allora questo crea una reazione molto forte. Alcuni che avevano dubbi sul nostro mondo, sulla società, dicono: "Sì, bastava pensarci, ha ragione, abbiamo trovato all fine la cosa importante". E altri dicono "Ma è impossibile. Come parlare di derescita?". Se non parliamo di decrescita andiamo verso la catastrofe e l'apocalisse.

Ora vorrei in alcune parole spiegare come opporre l'utopia concreta alla altra grande utopia dell'occidente che è il liberismo. Il liberismo è anche un grande progetto, un progetto che ha strutturato l'occidente per secoli. Dobbiamo prendere coscienza che in questo progetto la cosa più importante è il mito della crescita. Nella sinistra c'è la tentazione di separare il liberalismo buono dal liberismo cattivo. Fondamentalmente, però, sono come dottor Jekyll e mister Hide, due facce della medesima medaglia, strettamente legate anche se diverse.

E' un progetto fantastico, il liberismo, nato nel medioevo in reazione all'orrore per le guerre, soprattutto quelle civili. E' un progetto grandioso, il liberismo, e precisamente è l'utopia di una società autonoma. Una società autonoma che si basa sull'individualismo, sull'emancipazione dell'umanità, sul progetto della modernità, della liberazione dalla trascendenza, dalla tradizione, della religione e dalla gerarchia.

Il problema di questo progetto è nelle sue aporie: l'aporia della libertà è la libertà di sfruttare gli altri. L'individualismo è un progetto autodistruttivo e l'uguaglianza ancora di più. L'uguaglianza assoluta è impossibile perché per natura non siamo uguali, quindi la strada che il liberismo ha trovato, soprattutto attraverso il suo aspetto economico, è di reinventare un'eteronomia che permette il funzionamento della società moderna: l'eteronomia della mano invisibile.

Se c'é la mano invisibile allora nessuno può rimpiangere della sua povertà, nessuno è responsabile delle disuguaglianze, sono le leggi del mercato. Basta leggerlo su tutti i giornali: se i popoli del sud sono più poveri la colpa, in fondo, è loro. Non è colpa più delle grandi imprese o dei governi, è la legge del mercato, la stessa legge per tutti. Una legge che funziona benissimo e che funziona perfino meglio se c'é la continua fuga in avanti della crescita infinita. Che ha come corollario l'idea che se l'uguaglianza non è realizzata oggi, almeno domani le disuguaglianze saranno minori. Se oggi non possiamo comprare l'ultimo modello di automobile, certamente potremo farlo domani, grazie alla crescita.

Questo meccanismo ha funzionato per tanti anni gloriosi tra il 1945 e il 1975. E' vero che gli operai hanno potuto comprare una macchina, un frigorifero. E' vero che le cose che prima erano riservate ai ricchi sono diventate delle comuni. Questo permette alla società liberista di funzionare.

Un amico, un filosofo, ha scritto recentemente un bel libro che si intitola "L'impero del meno male". Sono riusciti a creare, con il liberismo e la crescita, l'impero del meno male, ma oggi questo non basta più. Perché il problema è che oggi ci si confronta con l'autodistruzione sociale perché l'ingiustizia, aporia strutturale di questo stesso meccanismo, è diventata senza limite.

Inviato in

Inviato da Antonio il 18 ottobre, 2007 - 14:53

Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter