PisteCiclabili.com – L’Italia in bici a portata di click

Abbiamo intervistato Alberto Sarullo di PISTECICLABILI.COM, un portale web che fa della mobilità sostenibile e dell’uso della bicicletta il suo nucleo. Oltre 8000 km di itinerari organizzati geograficamente, con i percorsi nelle piste ciclabili delle città, ma anche itinerari cicloturistici, corredati di cartina e informazioni logistiche. A lui abbiamo chiesto le peculiarità del progetto e alcune riflessioni su come rendere il mondo più sostenibile.

Come nasce l’idea di un portale come http://www.piste-ciclabili.com/, puoi spiegarci il suo funzionamento e se la partecipazione è aperta a tutti?
La nascita di PisteCiclabili.com risale a qualche anno fa, quando cercando informazioni su una ciclabile, mi sono accorto che in Italia mancava un sito di portata nazionale dedicato agli itinerari cicloturisti. Con qualche incertezza e molta voglia di fare, mi sono messo a disegnare i primi schizzi di quello che ora è PisteCiclabili.com. L'idea alla base è semplice: chiunque, senza obbligo di registrarsi, può disegnare su una mappa i propri itinerari preferiti, condividendoli con i visitatori del sito, oppure cercare informazioni sugli itinerari già pubblicati, eventualmente lasciando un commento con il proprio punto di vista.

Quali sono i percorsi (sia ciclabili, sia di sviluppo del portale) che finora avete recensito/compiuto e quali gli obiettivi che vi prefiggete?
Inizialmente PisteCiclabili.com voleva essere un piccolo atlante delle ciclabili italiane, ma discutendo con chi il sito lo usa, mi sono accorto che il bisogno da soddisfare riguardava più in generale gli itinerari cicloturistici, venendo così ad ampliare il concetto stretto di “ciclabile”. Ad oggi abbiamo mappato 8300 km di itinerari, ed è emozionante constatare come quasi ogni giorno nuove persone decidano di abbracciare il progetto, suggerendo nuovi itinerari, arricchendo quelli presenti con foto e video, o suggerendo nuove idee tramite il forum di discussione.

Ci sono collegamenti con iniziative come quelle della Critical Mass o quelle promosse dai comuni italiani, penso alle varie iniziative di bike sharing sparse sul territorio, per favorire una mobilità sostenibile o un turismo responsabile?
Esistono molte affinità di scopo con movimenti, associazioni, e quelle (poche) amministrazioni interessate a promuovere una mobilità sostenibile, tuttavia è estremamente difficile entrare in contatto con queste realtà: anche se è una riflessione amara, dopo 3-4 volte che si viene ignorati senza ricevere risposta, la voglia di aiutare volontariamente viene meno, gettando al vento l'enorme potenziale che risiede nelle idee delle persone. Proprio per evitare questi clamorosi deficit comunicativi, ho cercato di rendere chiaro e trasparente il funzionamento del sito, dotandolo di un forum pubblico che in breve tempo è diventato il punto di contatto tra persone affezionate al progetto e ai suoi valori.

Dagli utenti di Piste-Ciclabili.com, quali sollecitazioni emergono maggiormente sui temi delle due ruote in Italia e della sostenibilità?
Negli ultimi mesi sono emerse due “tendenze”. La prima è di natura più immateriale, ed è la volontà di diffondere informazioni sostanziali, puntando sulla qualità piuttosto che sui numeri. La seconda, recentissima, rappresenta una piccola rivoluzione: si sta pensando di passare dall'impegno virtuale a quello reale, contattando direttamente alcune amministrazioni comunali per richiedere interventi in favore di una mobilità più sostenibile.

Il mondo visto dal sellino di una bici ha sicuramente dei tempi, degli spazi ed una visuale diversa, da quella di un’auto o di un mezzo a motore, che macina tempi e distanze con ritmi che non lasciano spazio alle riflessioni. A te che hai esperienza e passione in materia come sembra?
Condivido il punto di vista. Un po' come nelle aree densamente popolate emerge spontaneo il bisogno di isolarsi evitando il contatto e gli sguardi, i ritmi di vita insostenibili che travolgono sempre più persone, stanno facendo maturare la riscoperta di quelle situazioni che favoriscono la riflessione e lo scambio di idee. Senza aver la pretesa di diventare domani una nazione ciclabile come l'Olanda, è sufficiente guardare alla Svizzera, appena più a nord dell'Italia, per accorgersi che la possibilità di percorrere la strada dell'equilibrio sostenibile esiste ed è fattibile.

La sostenibilità passa senza dubbio da una mobilità meno vorace di risorse da combustibili fossili, ma cosa immagini debba essere ancora compiuto per sollecitare un uso più razionale delle risorse oltre all’utilizzo razionale dei trasporti?
Senza avere la pretesa di inoltrarmi in discussioni al di fuori delle mie competenze, credo che andrebbe diffusa la consapevolezza che il capitalismo basato sull'assunzione di risorse infinite, non è un modello sostenibile. Quel che invece succede è che più le persone si impoveriscono, più le televisioni propongono e vendono modelli di vita fuori portata, basati sull'apparenza invece che sulla responsabilità, creando di fatto una pericolosa frattura tra come si vorrebbe essere percepiti e come si è realmente.

Se dovessi descrivere con uno slogan od un’immagine piste-ciclabili.com e un mondo più sostenibile quale useresti ?
Il sito è nato per condividere itinerari cicloturistici favorendo un libero scambio di conoscenze tra individui con interessi in comune. Più che con uno slogan, mi piacerebbe concludere questa intervista ringraziando le persone che con i loro contributi e messaggi hanno saputo mantenere viva la passione da cui è nato PisteCiclabili.com.

PISTE-CICLABILI.COM è un sito internet nato da oltre un anno ed è uno strumento per gli amanti delle due ruote, 8000 i km recensiti direttamente da chi li ha percorsi, con notizie utili e descrizione delle tappe fondamentali. Uno spazio per sensibilizzare, promuovere e sostenere una mobilità sostenibile, arricchito da funzionalità e utilità "sociali", attraverso le proposte e le condivisioni dei lettori, un forum e una sezione di news riguardanti il modo delle due ruote ecologiche.
http://www.piste-ciclabili.com/

<p align="justify">Oltre a informazioni sulla <em><strong>mobilità sostenibile</strong></em>, su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su piste ciclabili, biciclette, e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter