Riciclo vetro. L'Italia al quarto posto in Europa

Buone notizie per l’Italia. La Federazione Europea dei Contenitori in vetro (Feve) ci colloca al quarto posto nella classifica dei Paesi virtuosi del 2011. Il recupero e riciclo del vetro in Europa, con 11 milioni di tonnellate, ha superato la soglia del 70%.
 
I dati diffusi sono incoraggianti, ma si auspica che la percentuale di recupero aumenti in tutta l’area dei 27.
Riciclare imballaggi in vetro aiuta l'ambiente e l'economia. Attraverso il suo riciclo (dati europei 2011) si ottiene un risparmio di oltre 12 milioni di tonnellate di materie prime (sabbia, carbonato di sodio, carbonato di calcio); una riduzione di oltre 7 milioni di tonnellate di Co2, equivalenti a muovere 4 milioni di macchine su strada; un risparmio del 2,5% di energia per ogni 10% di vetro riciclato nel forno. I dati pubblicati giorni fa dalla Feve sono consistenti. Nel 2011 il recupero e il riciclo del vetro, nei paesi nell’Eurozona, ha registrato 11 milioni di tonnellate, superando il tetto del 70%. Il Benelux e alcuni Paesi del nord-Europa, come la Svezia e la Germania, raccolgono ottimi risultati così come l’Italia che si piazza al quarto posto nella classifica generale. In altri Paesi, invece, le stime non sono confortanti poiché sono ancora lontani, dai parametri Comunitari richiesti. L’Italia, dunque, è sulla buona strada, ma se gli sforzi sostenuti aumentassero potrebbe annullare l’importazione dei materiali per la produzione e utilizzare il vetro come risorsa inesauribile. Il futuro si mostra roseo per il nostro Paese, poiché l’industria del vetro ha prodotto contenitori adatti al riutilizzo e soprattutto ha diffuso, tra la popolazione, un’informazione adeguata e consona diretta al recupero.
Il riciclo del vetro è l'elemento chiave di un'economia circolare – afferma Stefan Jaenecke, presidente di Feve – perché il riciclo chiude la catena di un sistema chiuso. Il riciclo del vetro consente di risparmiare materie prime, energia e riduce i costi di produzione”.
Il vetro è un materiale che non richiede alcun accorgimento, barriera o additivo per conservare cibi e bevande e la sua infinita riciclabilità è una peculiarità fondamentale e tipica di questo materiale naturale. Sosteniamo una legislazione appropriata che riconosca e sostenga in modo effettivo il riciclo del vetro” conclude il segretario generale di Feve, Adeline Farrelly.
I prossimi obiettivi: riciclare il restante 30% di vetro che è smaltito in discarica e promuovere un'economia circolare che si adatti all'ambiziosa visione della Commissione Europea che vorrebbe costruire una società a zero rifiuti e promuovere un uso sostenibile delle risorse.
Fonte: agi.it
 
 
<p>Oltre a informazioni su <strong><em>riciclo vetro europa</em></strong>, su Effetto Terra puoi trovare informazioni su, feve, zero rifiuti e iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.