I benefici del finocchio

Probabilmente originario dell’Asia minore ma diffuso in tutta l’area del Mediterraneo il finocchio era già utilizzato da egizi, greci e arabi. L'erboristeria tradizionale, così come la fitoterapia e la cucina contemporanee raccomandano i preparati a base di finocchio per combattere i gas intestinali e i problemi di tensione e gonfiore addominale da una parte e dall’altra piatti a base di finocchio per insaporire le pietanze.
 
Il suo peculiare aroma è una delle fragranze più conosciute dagli amanti dei liquori, nella cui preparazione viene utilizzato l’anetolo, un’essenza presente nella pianta, per la preparazione di liquori quali sambuca, pastis e anisette in Francia o l’anis in Spagna.
Il finocchio in cucina viene usato per conferire sapori e odori forti alle pietanze, grazie alla presenza di oli essenziali. Tra le proprietà che contraddistinguono questo orataggio il contenuto calorico ridotto e la presenza di fibre e vitamine A, B e C, ne fanno un’ottimo aiuto per regolare il meccanismo di numerose funzioni corporee e per mantenere sotto controllo la propria linea. La quantità elevata di sali minerali (potassio, calcio e fosforo) sono inoltre un valido alleato per rinforzare le ossa e per prevenire crampi e stanchezza.
Le vitamine diventano invece essenziali per proteggere il corpo, la vitamina A, mantiene sana la pelle e regola il funzionamento della retina e della vista; la vitamina B, è fondamentale per il corretto funzionamento del sistema nervoso e dell’apparato cardiocircolatorio, e la vitamina C, rafforza il sistema immunitario e svolge un’efficace azione antiossidante. Il buon contenuto di fitoestrogeni rende il finocchio, un ottimo equilibrante naturale dei livelli degli ormoni femminili, il che lo rende particolarmente utile nello stimolare la produzione di latte nelle donne alle prese con l’allattamento, nel ridurre i disturbi che precedono il ciclo mestruale e nell’alleviare i sintomi della menopausa. Anche il fegato trae giovamento dal consumo di finocchi, che rappresentano dei validi disintossicanti e contribuiscono al miglioramento delle funzioni epatiche. Indicato in caso di inappetenza, in quanto stimola la secrezione gastrica, ha effetti diuretici che favoriscono l’eliminazione delle tossine da parte dell’organismo.
Tra le curiosità che accompagnano la storia di questa pianta è sicuramente originale la genesi del verbo “infinocchiare”, divenuti ormai modo di dire e d’uso comune in tutta la penisola. Sinonimo di “imbrogliare” e “raggirare”, deriva da una pratica antica del 700, quando i cantinieri erano soliti insaporire il vino più scadente con i semi di finocchio, celando in questo modo al cliente la modesta qualità del prodotto venduto.
 
Fonte: Megliosapere.info
 
<p>Oltre a informazioni su <strong><em>proprietà del finocchio</em></strong>, su Effetto Terra puoi trovare informazioni su finocchio, benefici finocchio, rimedi naturali, mestruazioni, allattamento, diete, effetti diuretici  e iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter