Il riscaldamento globale e i paradossi del Polo Sud

La pubblicazione sulla rivista Nature Geoscience dell’indagine effettuata da alcuni ricercatori olandesi, guidati dal climatologo Richard Bintanja, divide la comunità scientifica. Secondo quanto riportato, il riscaldamento globale sciogliendo i ghiacciai dell’Artico, potrebbe rendere alcune zone dell’Antartide più fredde di quanto lo siano adesso, creando un paradosso climatico.
 
Gli studiosi del Reale Istituto Meteorologico di Utrecht, in Olanda, hanno condotto uno studio sugli effetti negativi del cambiamento climatico. I ricercatori, guidati da Richard Bintanja, svelano uno dei paradossi che stanno avvenendo in prossimità delle coste antartiche. Il fenomeno che interessa il Polo Sud sembra essere l’opposto di quanto accade al Polo Nord: nell’Artico il ghiaccio si sta ritirando rapidamente tanto che alcuni scienziati prevedono che nel 2020 la banchisa polare dell’Artico in estate, si scioglierà. In Antartide, al contrario, il ghiaccio marino aumenta in inverno. È il cambiamento climatico, la causa: sciogliendo i ghiacciai interni della massa continentale antartica, riversa nei mari un’enorme quantità di acqua dolce che forma uno strato di acqua fredda sulla superficie oceanica creando nuovi ghiacciai altrove. È un paradosso. Gli studiosi hanno analizzato i dati di temperatura e salinità registrati dai satelliti e dalle boe oceaniche nel periodo 1985-2010.
Secondo Paul Holland, oceanografo del British Antarctic Survey di Cambridge, “lo scioglimento di enormi masse di ghiaccio continentale è un fatto, ma non è detto che questo influisca in modo significativo nell'incremento del pack”. Holland in un articolo pubblicato lo scorso anno afferma che “l'incremento del ghiaccio marino nel mare di Waddell è dovuto a una diversa distribuzione dei venti circumantartici, basandosi sui dati raccolti dai satelliti sui movimenti del ghiaccio tra il 1992 e il 2010. In altre aree, come nel mare del Re Håkon, l'aumento del ghiaccio marino è dovuto alla combinazione degli effetti delle temperature e del vento”. Bintanja replica che “gli effetti del vento sono importanti a livello locale, ma a livello continentale sono più decisive le quantità di acqua dolce derivate dallo scioglimento dei ghiacciai”.
 
Fonte: Ansa, corriere.it
 
 
<p>Oltre a informazioni su <strong><em>riscaldamento globale antartide, riscaldamento globale polo sud</em></strong>, su Effetto Terra puoi trovare informazioni su, paul holland e iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

Contenuti più visti