Alimentazione biologica

L'alimentazione da coltivazione biologica nasce dall'esigenza di mangiare in modo più sano e "naturale"  riducendo drasticamente, durante il trattamento nei campi,  fertilizzanti, pesticidi e additivi chimici; prodotti e processi presenti in natura sono quindi alla base dell'agricoltura biologica, generando così alimenti ad alta qualità nutrizionale oltre che genuini rispettando così l'ambiente evitando ogni forma di inquinamento che possa derivare dalla attività di produzione...

L'alimentazione da coltivazione biologica nasce dall'esigenza di mangiare in modo più sano e "naturale"  riducendo drasticamente, durante il trattamento nei campi,  fertilizzanti, pesticidi e additivi chimici; prodotti e processi presenti in natura sono quindi alla base dell'agricoltura biologica, generando così alimenti ad alta qualità nutrizionale oltre che genuini rispettando così l'ambiente evitando ogni forma di inquinamento che possa derivare dalla attività di produzione, a differenza delle industrie alimentari che producono cibo usando medicinali chimici e  ogni sorta di concime (sempre chimico)  "macchiando" l'aria che respiriamo; ricordiamo infatti che il nostro sistema immunitario e costantemente sottoposto a rischi che derivano dalle nostre abitudini alimentari errate che oggi sono la causa principale della maggior parte delle malattie diffuse tra le popolazioni più ricche (cancro, diabete, malattie cardiovascolari, malattie autoimmuni).
Ricordiamo inoltre che tutte le fasi dell'agricoltura biologica sono controllate da Enti specifici autorizzati a livello ministeriale, e che l'impiego di organismi manipolati geneticamente (ingegneria genetica) è assolutamente vietato!

A chi ci rivolgiamo?
L'alimentazione biologica si rivolge a chiunque foglia fare un passo importante, anche se impegnativo in quanto, questi prodotti sono in genere più cari di quelli convenzionali, e più difficili da reperire. Ciò è dovuto al fatto che sono prodotti in quantità molto minore, godono di minori incentivi, e usufruiscono di un sistema di distribuzione meno efficiente e capillare.
Ricordiamo inoltre che tutte le fasi dell'agricoltura biologica sono controllate da Enti specifici autorizzati a livello ministeriale, e che l'impiego di organismi manipolati geneticamente (ingegneria genetica) è assolutamente vietato!

Vincoli normativi
L’agricoltura biologica è stata regolamentata per la prima volta in Europa con il regolamento n. 2092 del 1991. Tale Regolamento CEE indicava il metodo per la produzione biologica per i soli prodotti agricoli escludendo il settore zootecnico e la produzione del vino e dell'olio, inseriti nelle normative successive. Il regolamento CEE n. 2092/91 è stato abrogato dal regolamento CE n. 834/2007 del Consiglio europeo, relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici. Nel regolamento sono definite le norme che devono essere rispettate per l'ottenimento della certificazione del proprio prodotto come “da agricoltura biologica”. Per ogni fase del prodotto dalla produzione alla preparazione, dal trasporto alla commercializzazione, dallo stoccaggio, dall'importazione alla conservazione, sono fissate norme che devono essere rispettate pena l'esclusione dalla certificazione.
La normativa europea chiarisce che, la produzione biologica è un sistema globale di gestione delle aziende agricole e di produzione alimentare basato sulla salvaguardia delle risorse naturali, sulla scelta delle migliori pratiche ambientali, sull’alto livello di biodiversità, sull’applicazione di rigorosi criteri in materia di benessere degli animali e sulla produzione di prodotti ottenuta con sostanze e procedimenti naturali. Il processo produttivo e la certificazione delle produzioni ottenute con l’agricoltura biologica sono sottoposti al controllo di appositi organismi riconosciuti ed autorizzati dal Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali.

Gli organismi di controllo
Autorizzati dal Ministero delle Politiche Agricole sul territorio nazionale, gli organismi di controllo, sono soggetti privati che svolgono due mansioni fondamentali:
•    Verificano l’idoneità e il percorso produttivo delle aziende agricole che aderiscono al sistema di controllo per le produzioni con metodo biologico;
•    Concedono l’uso dei relativi marchi alle imprese associate, da apporre sulle etichette dei prodotti controllati.
L’unione europea richiede che il sistema di controllo sia rigoroso e che questi vengano effettuati in ogni fase delle catena organica. Il controllo di ciascun operatore (contadino, commerciante, importatore o esportatore), deve essere effettuato almeno una volta all’anno o più volte in base alla valutazione del rischio del prodotto.

Etichettatura dei prodotti biologici
Gli agricoltori biologici e i commercianti, se vogliono utilizzare il logo biologico UE o etichettare i propri prodotti come biologici, devono rispettare rigorosi requisiti dettati dalla normativa europea.
Oltre alla lista degli ingredienti e del loro valore nutritivo, le etichette dei prodotti biologici, devono avere il nome del produttore, del trasformatore del prodotto e del distributore. Il nome o il numero di codice dell’autorità nazionale di certificazione del prodotto. Deve essere anche in etichetta l’organismo dell’UE che ha verificato ciascun operatore del prodotto.

Logo biologico dell’Unione europea
Il logo biologico dell’UE è formato da due simboli principali. Uno di questi è la bandiera europea, simbolo ufficiale dell’Unione europea dal 1986; l’altro è una foglia, che simboleggia natura e sostenibilità. Il logo biologico UE è stato introdotto dal Regolamento della Commissione UE n. 271/2010.

Vincoli normativi in Piemonte

Aziende piemontesi che si occupano di alimentazione biologica

  • Bottega e natura
    10129 Torino (TO) - 33, v. Colombo
    tel: 011 500583
    fax: 011 500583
  • Eco alimenti naturali
    10090 Bruino (TO) - 67, v. Pinerolo
    tel: 011 9087114
    fax: 011 9089021
  • La bottega di Elena
    28100 Novara (NO) - 8, v. Monte San Gabriele
    tel: 0321 684556
  • Celiachia Point e non solo sas di ONGARO M. & C.
    13900 Biella (BI) - 14, v. Ferrero
    tel: 015 29111
    fax: 015 29111
    email: info@celiachiapoint.com
  • Il senza glutine
    28100 Novara (NO) - 37, c. Vercelli
    tel: 0321 031100
    fax: 0321 031100
    email: ilsenzaglutine@libero.it ilsenzaglutine@libero.it

Fonte: eur-lex.europa.eu, ec.europa.eu
eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2007:189:0001:0023:IT:PDF

Scheda aggiornata al 18/07/2017


Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter