Si apre l'Anno Internazionale delle Foreste

Prende il via ufficialmente oggi, con il Forum Onu sulle foreste, l'Anno Internazionale delle Foreste 2011. Sino al 4 febbraio 2011, una nutrita serie di tavole rotonde e tavoli di lavoro, cercheranno di formulare raccomandazioni operative in materia di protezione e sfruttamento sostenibile delle foreste nel mondo.

Istituito nel 2000 l'UNFF (Forum Internazionale delle Nazioni Unite sulle Foreste), giunge in questo 2011 alla sua nona sessione. Un'occasione importante per l'organoi intergovernativo di rendere operativi e sensibilizzare governi e opinione pubblica sui propri obbiettivi, utilizzando il trampolino mediatico del 2011, Anno Internazionale delle Foreste.
Come nelle precedenti edizioni le discussioni e le deliberazioni, verranno elaborate attraverso sezioni plenarie e due distinti gruppi di lavoro, che si concentreranno principalmente sui svariati temi legati ai polmoni verdi della Terra, a partire da Foreste e persone, Risorse finanziarie e foreste, senza tfralasciare quelli piùm strettamente attuali come l'analisi dei nuovi REDD+, i documenti riguardanti le emissioni derivanti dalla deforestazione che hanno visto la luce a seguito dei dibatti della COP 16 di Cancun.
Argomenti e metodologie che devono proseguire ed indicare la strada per la realizzazione di un pogramma pluriennale di gestione delle foreste in grado di coabitare con sviluppo sostenibile e cambiamenti climatici. Momento di roflessione e sviluppo di idee e proposte da non lasciare in sospeso, in vista dell'appuntamento di fine anno a Johannesburg in Sudafrica per cercare di siglare un nuovo accordo planetario in grado, seguendo i dettami di Rio, di aggiornare l'accordo di Kyoto. Ipotesi e obiettivoi che devono avere nelle gestione forestale il proprio nucleo pulsante.

Secondo l'Unione mondiale per la conservazione della natura (Iucn) infatti: ''L'aria che respiriamo - afferma Julia Marton-Lefevre, direttore generale - il cibo, l'acqua, il clima che condiziona il nostro presente e il nostro futuro, dipendono tutti dalle foreste. Il 2011 deve essere l'anno in cui il mondo riconosce la vitale importanza di foreste in salute per la vita sul Pianeta, per tutte le popolazioni e la biodiversità''.  ''Le foreste - prosegue Stewart Maginnis - offrono gli strumenti piu' ampi, veloci ed efficaci per contenere le emissioni globali. Dimezzare i gas serra fra il 2010 e il 2020 porterebbe ad un risparmio di 3,7 migliaia di miliardi di dollari''. ''Il problema e' che i governi - conclude Lucy Emerton - e le agenzie di donatori non considerano l'investimento in attivita' forestali controllate a livello locale. Perdono cosi' l'opportunita' di rilanciare crescita economica, sviluppo sostenibile e riduzione della povertà''.

Fonte: ANSA, UNFF

Oltre a informazioni su <strong>Forum internazionale onu sulle foreste, 2011 Anno Internazionale delle Foreste</strong>, su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su foreste, su surriscaldamento globale, cambiamenti climatici, deforestazione e iscriverti a <a href="http://www.effettoterra.org/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="http://www.effettoterra.org/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="http://www.effettoterra.org/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="http://www.effettoterra.org/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche."

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter