Le associazioni ambientaliste contro la SEN

Per il WWF, Greenpeace e Legambiente la Strategia energetica nazionale appena approvata dal Governo uscente è un “colpo di mano”. Per il responsabile green economy del Pd Ermete Realacci è inaccettabile che un governo in scadenza approvi un Piano importante senza un iter parlamentare.
 
Il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha ribadito, che il documento approvato ha chiuso il suo percorso dopo una consultazione pubblica di cui le Amministrazioni competenti hanno preso atto.
Il Governo uscente, per le associazioni ambientaliste, dovrebbe occuparsi solo di atti di ordinaria amministrazione, mentre la Strategia energetica nazionale rientra nella programmazione strategica futura. Rispondendo alle proteste, il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha evidenziato che l’atto in questione ha seguito la trafila dopo una consultazione di dominio pubblico. La Sen (Strategia energetica nazionale) approvata dai Ministri uscenti, Clini e Passera, suscita le prime critiche da parte delle associazioni ambientaliste. Il Piano prevedrebbe misure per il raggiungimento di una maggiore sostenibilità entro il 2020, ma secondo il WWF, Greenpeace e Legambiente tutela, in larga parte, le fonti fossili. Accuse sostenute anche da Ermete Realacci, responsabile Pd alla green economy.

Il documento approvato individua quattro sfide:

  • ridurre i prezzi energetici, i più alti dell’Euro Zona;
  • superare gli obiettivi di decarbonizzazione dell’economia;
  • dipendere meno dall’approvvigionamento estero di energia;
  • e appoggiare la crescita sostenibile.
La Sen prevede di investire nei settori dell’efficienza energetica, nel mercato competitivo del gas, nelle energie rinnovabili, nelle infrastrutture e nel mercato elettrico, nella ristrutturazione e raffinazione della distribuzione di carburanti, nella produzione sostenibile di idrocarburi e modernizzazione del sistema di governance.
Il Piano di azione sull’efficienza energetica (PAEE), rivela la Sen, ha già incoraggiato l’efficienza energetica portando benefici importanti come le detrazioni fiscali e i certificati bianchi atti alla sostenibilità energetica. La Strategia energetica nazionale prevede di favorire sia le nuove installazioni che la sostituzione degli impianti esistenti aumentando i progetti di Smart Cities nel nostro Paese.
Greenpeace, Legambiente e Wwf si riservano di impugnare gli atti di approvazione della Sen presso i fori competenti, per contrastare con ogni strumento un piano che non garantirebbe al Paese alcuno sviluppo e costituirebbe, invece, un atto di grave miopia, profondamente in conflitto con ogni istanza di sviluppo sostenibile.
 
Fonte: edilportale.com, zeroemission.tv
 
 
<p>Oltre a informazioni sul <strong><em>strategia energetica nazionale, sen, fonti rinnovabili, </em></strong><em><strong></strong></em>su Effetto Terra, puoi trovare informazioni su legambiente, wwf, greenpeace e iscriverti a <a href="/archivio-newsletter">newsletter</a>, <a href="/directory">segnalare siti</a> e partecipare a <a href="/forum">forum</a>, nonchè visitare i <a href="/siti_consigliati.html">siti consigliati</a>, che trattano queste tematiche.</p>"

Pubblicato in


Mercato

Il mercato di EffettoTerra

Turismo Responsabile

SOSTIENI L'AMBIENTE

Sostieni Effetto Terra: dona il 5x1000 a Eta Beta

Incontri formativi scuole

Eta Beta propone incontri per imparare come cambiare i comportamenti di consumo e come migliorare ogni giorno l’ambiente in modo efficace, con piccoli gesti.

EffettoTerra Newsletter

Iscriviti alla newsletter del portale

Archivio Newsletter